Seguici

Cerca nel sito

Ultime notizie

Lo Zio Sam chiude un occhio per i vini (veneti)

vini veneti dazi

Niente dazi per i vini italiani negli Stati Uniti. Un terzo delle bottiglie sugli scaffali americani è veneto

Il mondo moderno è un luogo strano. In cui possono coesistere modelli di sviluppo che rimettono al centro i territori e la tradizione, assieme a dimensioni snaturanti come possono essere invece le guerre economiche su scala globale. Inevitabile che gli sforzi degli uni vengono vanificati dall’enormità delle altre. E così, le sorti di una parte significativa delle esportazioni di un produttore della Valpolicella o di Valdobbiadene, come quelle dei produttori di molti altri vini veneti e tipicità italiane, incredibilmente, si trovane legate a doppio filo ad una disputa dell’industria aeronautica.

-advertising-

“Nella rete dei dazi sono già finiti Grana Padano e Asiago insieme ad altre specialità come Gorgonzola, Fontina, Provolone”

Tutto trae origine dalla guerra commerciale che contrappone l’Unione Europea agli Stati Uniti nella disputa sugli aiuti di stato al settore aereonautico. Da una parte l’americana Boeing, dall’altra l’europea Airbus. Nel mezzo tutti gli altri, in una vicenda che si trascina. “A far scattare la nuova ritorsione – spiega la Coldiretti – sono state le tariffe aggiuntive europee entrate in vigore il 10 novembre scorso sui prodotti Usa del 15% per gli aerei. Che salgono al 25% su ketchup, formaggio cheddar, noccioline, cotone e patate americane insieme a trattori, consolle e video giochi. Una misura autorizzata dal Wto dopo che gli Usa avevano deciso dal 18 ottobre 2019 in Usa una tariffa aggiuntiva del 25% su una lunga lista di prodotti importati dall’Italia e dall’Unione Europea. Nella rete dei dazi sono già finiti Grana Padano e Asiago insieme ad altre specialità, casearie e non, come Gorgonzola, Fontina, Provolone. Ma anche salami, mortadelle, crostacei, molluschi agrumi, succhi e liquori, amari e limoncello”. I vini veneti rischiavano grosso.

Salvi Prosecco e Pinot Grigio oltre ai nobili rossi veronesi Valpolicella e Amarone

Le autorità statunitensi hanno invece deciso di graziare i vini italiani, a cui non saranno applicati i nuovi dazi. Salvi quindi Prosecco e Pinot Grigio. Ma anche i pregiati rossi veronesi Valpolicella e Amarone. Un terzo delle bottiglie sugli scaffali americani è veneto e le nostre produzioni trainano l’export nazionale in USA con una cifra pari a 1,5 miliardi di euro. “Si tratta di una notizia importante – commenta il presidente di Coldiretti Veneto Daniele Salvagno – che va incontro ad un settore strategico per il Veneto”. Nella lista nera entrano invece i vini e alcuni brandy francesi e tedeschi. A partire dal 12 gennaio 2021 saranno aggiunti all’elenco dei prodotti tassati.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico