Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

Viaggio nelle Venezie del Mondo: Nanxun in Cina

Continuiamo il nostro viaggio nelle Venezie del mondo, arrivando come Marco Polo in Cina

Circondate da fiumi, laghi e canali, tre parti della Cina costituiscono un “triangolo d’oro” di città storiche che si muovono prevalentemente sull’acqua. Shanghai, Suzhou e Hangzhou formano quest’area piramidale conosciuta come la “Venezia d’Oriente”, ricca di millenni di storia e di città costruite attorno a complessi sistemi di canali. Qui, gli abitanti e i turisti si spostano ancora con barche comandate a mano e, a volte, il capitano vi farà anche una serenata con una canzone popolare tradizionale cinese. Andiamo oggi a visitare la Venezia di Nanxun.

-advertising-

Alla scoperta di Nanxun

A circa 70 migli a ovest di Shanghai, arriviamo alla Venezia di Nanxun. Al censimento del 2007 Nanxun aveva una popolazione di 119.300 abitanti, “nulla per la Cina” e una superficie di 141 chilometri quadrati.

Questa città sull’acqua è un po’ diversa dalle altre della zona: in genere attira meno persone e l’architettura è un misto di tradizione cinese e occidentale. Passeggiando lungo gli antichi canali, è probabile vedere la gente del posto che gioca a carte o prende il tè.

Ma scopriamo la storia di questa Venezia di Nanxun. La città risale al periodo Chunyou della dinastia Song, tra il 1241 e il 1252. Oggi è considerata l’epicentro dei matrimoni sui canali. Per celebrare infatti un matrimonio, 10 traghetti attraversano la città sull’acqua, addobbati con fiori e nastri rossi, con gli sposi a bordo del primo traghetto della fila.

Religiosità

A differenza dello storico baluardo del Cattolicesimo rappresentato dalla nostra Venezia, a Nanxun l’introduzione del Cristianesimo è iniziata appena nel 1860, ad opera della Missione Episcopale Metodista Americana. La Nanxun Christian Church è una chiesa protestante della città, costruita nel 1927. Il Palazzo Guanghui è invece un tempio taoista della città. Fu fondato per la prima volta nella dinastia Song del Nord (960-1127) e fu distrutto e ricostruito più volte. La versione attuale è stata completata nel 2003.

Attrazioni

Un tempo questa particolare Venezia di Nanxun aveva un gran numero di giardini. Dalla dinastia Song meridionale fino alla dinastia Qing (1644-1911) ne aveva ospitati ben 27. Tra i giardini sopravvissuti vi sono le case Baijian, la biblioteca Jiaye, il maniero Xiaolian di Liu, il giardino Ying (di Chen) e il giardino Shi (di Zhang). Nanxun ospita anche l’ex residenza di Zhang Shiming e l’ex residenza di Zhang Jingjiang. A Nanxun si trovano più ponti antichi, ben conservati, delle dinastie Ming (1368-1644) e Qing (1644-1911). Entrambi con centinaia di anni di storia, come il ponte Tongjin, il ponte Hongji, il ponte Guanghui e il ponte Chuihong.

Andrea Bonazza

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico