Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Veronafiere e Uiv smentiscono coinvolgimento in maxi-frode Ue

La Guardia di Finanza di Milano, questa mattina, ha dichiarato di aver effettuato, in accordo con il gip di Verona, un sequestro per oltre 2 milioni di euro per una presunta frode ai danni dell’Unione Europea. Da quanto si è appreso dai principali organi di informazione, tra gli indagati vi erano anche le due società venete: Veronafiere spa e Unione italiana vini società cooperativa.

-advertising-

La notizia del sequestro per frode a danni della Ue

La presunta truffa della quale sarebbero state imputate Veronafiere e Uiv, riguarda “la partecipazione ad un bando europeo” per la “promozione di prodotti agricoli, nel mercato interno e nei Paesi terzi”. L”ipotesi emersa in mattinata era di truffa aggravata “per il conseguimento di erogazioni pubbliche di matrice unionale”. La presunta frode riguarda “l’ottenimento di un finanziamento diretto” di oltre 5 milioni di euro, di cui oltre 2 già erogati, “in due tranche una nel 2018 e una nel 2020 dall’Agenzia Esecutiva dell’Unione Europea per i consumatori, la salute, l’agricoltura e la sicurezza alimentare” ed incassati “dalla cooperativa, in qualità di beneficiario-coordinatore del progetto”.

La risposta di Veronafiere

In queste ore però, è giunta lapidaria la risposta di Veronafiere contro la notizia pubblicata dalla stampa. “La società non è destinataria di alcun provvedimento di sequestro” e, “per quanto noto, nessun dirigente o dipendente risulta sottoposto ad indagini”. “Veronafiere – continua la nota – confida pertanto nell’operato della Magistratura e nell’accertamento della propria estraneità ad eventuali ipotesi di illeciti nei confronti dell’Unione Europea”.

La risposta di Unione Italiana Vini

Anche Uiv, Unione Italiana Vini, risponde seccamente alle accuse mosse nei suoi confronti nell’ambito dell’operazione per frode all’Unione europea. “Informata sugli sviluppi dell’indagine a carico di Unione Italiana Vini Società Cooperativa e dei suoi vertici, alla luce del buon operato e della trasparenza da sempre dimostrata, (Uiv) confida in un rapido chiarimento della vicenda ed esprime piena fiducia nella Magistratura, così come nell’operato del management coinvolto”.

Andrea Pesavento

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico