Seguici

Cerca nel sito

Ultime notizie

Verona, la rabbia dei commercianti: “Adesso basta, noi apriamo”

La protesta dei commercianti di Verona contro il Governo

Centinaia di commercianti si sono radunati oggi in piazza Bra a Verona per urlare la loro rabbia contro l’indifferenza del Governo e contro i provvedimenti di chiusura. Tutti uniti dietro lo slogan “Adesso basta, noi apriamo”.

Erano centinaia i commercianti che hanno manifestato oggi a Verona per urlare la loro disperazione e rabbia contro le restrizioni che stanno devastando interi settori dell’economia scaligera e veneta. In piazza Bra si sono radunati ristoratori, baristi, titolari di palestre, operatori turistici, ambulanti e lavoratori delle spettacolo. Tutti uniti e con uno slogan comune: “Adesso basta: noi riapriamo, comunque vada”. Obiettivo avere risposte concrete su sostegni e riaperture.

-advertising-

“Uno Stato che ti chiede il 60% di ciò che guadagni in tasse, per poi abbandonarti nell’emergenza, è uno Stato criminale. Che merita di crollare”

La tensione nella piazza era palpabile. Parliamo di persone a cui lo Stato ha imposto di chiudere e che poi ha abbandonato a loro stesse. Attività cancellate, o che rischiano di esserlo, in cui erano state profuse le energie di una vita. Si cita sempre Venezia, ma Verona è la quarta città d’Italia per afflusso turistico. O almeno lo era sino all’inizio della pandemia. Da un anno a questa parte è cambiato tutto quanto. I turisti sono spariti e interi settori sono al collasso. Nessuno nella piazza negava l’esistenza del virus, ma erano tutti inferociti per il rigore delle chiusure a fronte della pressoché totale assenza di aiuti da parte dello Stato. Serena, che vive unicamente attraverso la sua attività di ospitalità turistica, afferma: “Non so più come fare, da un anno non guadagno più. Tutti i paesi del mondo cercano di rassicurare cittadini e turisti, qui sembra che li si voglia terrorizzare. Capisco l’emergenza, ma uno Stato che ti chiede il 60% di ciò che guadagni in tasse, per poi abbandonarti nell’emergenza è uno Stato criminale. Che merita di crollare”.

Una serie di testimonianze lungo il Liston, aperte dall’intervento del sindaco Federico Sboarina, che però è stato fischiato dai presenti

“Lasciateci lavorare” è stato il ritornello che ha accompagnato tutta la protesta, con una serie di testimonianze lungo il Liston, aperte dall’intervento del sindaco Federico Sboarina, che però è stato fischiato dai presenti. “Abbiamo dipendenti che attendono soldi da novembre o dicembre e l’asporto o il delivery sono acqua che non disseta” ha detto Simone, titolare di un ristorante nel centro storico della città scaligera. “Qua in mezzo a noi – ha aggiunto – ci sono anche i nostri collaboratori, persone di 40 o 50 anni che erano abituate a lavorare e lo facevano con grande gioia e chiedono solo di poterlo fare. Molti di loro e molti di noi sono disperati”.

La rabbia dei commercianti: “Abbiamo investito migliaia di euro per l’acquisto di mascherine e altri ausili che non possiamo usare perché siamo chiusi. E’ una situazione priva di senso”

Nel mirino le ripetute chiusure imposte durante la pandemia dai Dpcm e dall’ ultimo Decreto Legge. “La politica non ha fatto nulla. Quando sentiamo dire da qualche ‘onorevole regionale’ che è giusto vaccinare prima loro perché sono necessari, mentre una cassiera di supermercato si può sostituire, è ovvio che monti la rabbia” ha spiegato Marco Scandogliero, portavoce della manifestazione. Sul palco ha preso la parola anche una giovane imprenditrice: “abbiamo investito migliaia di euro per l’acquisto di mascherine e altri ausili che non possiamo usare perché siamo chiusi. E’ una situazione priva di senso, – ha detto – ma ora siamo arrivati al limite della sopportazione”.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico