Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Verona e la grande guerra del pollo fritto

La statua in piazza delle Erbe dedicata al poeta veronese Berto Barbarani

Fervono i preparativi per l’apertura in Piazza delle Erbe a Verona di un ristorante KFC, la catena americana di fast food celebre per il pollo fritto. Ma in città monta la polemica. Il sindaco Sboarina: “Stiamo parlando di decoro e bellezza di uno dei nostri gioielli, che abbiamo il compito di preservare”

L’annunciato sbarco a Verona nella centrale piazza delle Erbe di KFC, la catena americana di fast food celebre per il pollo fritto, sta scatenando un caso politico nella città scaligera. Il ristorante della multinazionale statunitense verrà aperto proprio accanto alla statua di Berto Barbarani, il poeta simbolo della tradizione veronese.

-advertising-

E’ di tutta evidenza che ad oggi l’amministrazione non ha concesso nessuna autorizzazione

Una scelta che fa discutere. “Noi non abbiamo dato nessun permesso, è un’operazione tra privati” ha precisato il sindaco Federico Sboarina”. “E’ chiaro – ha aggiunto – che come amministrazione comunale, all’interno della piazza più bella della città, il decoro passa dalla presenza delle attività commerciali che si affacciano sulla piazza stessa. E’ di tutta evidenza che ad oggi l’amministrazione non ha concesso nessuna autorizzazione e stiamo valutando molto attentamente sul fatto che questa attività possa aprire o no”. “Stiamo parlando – ha proseguito il sindaco – di decoro e bellezza di uno dei nostri gioielli, che abbiamo il compito di preservare”.

L’ex sindaco di Verona, Flavio Tosi, ha parlato di “oltraggio”

Il ristorante dovrebbe essere ospitato nei locali già sede di una filiale bancaria e i lavori sono già in corso. Vi sono già altre città d’arte, come Venezia, che hanno vietato nei centri storici l’apertura di locali non caratteristici, del tipo ‘mordi e fuggi’, come kebab e pizzerie al taglio. E nel 2016 il veto del Comune di Firenze all’apertura di Mc Donald’s in piazza Duomo dopo mesi di trattative sfociò in una richiesta danni da parte della multinazionale dei panini.

Le reazioni politiche a Verona non mancano. L’ex sindaco, Flavio Tosi, ha parlato di “oltraggio al poeta Berto Barbarani, icona della veronesità. Auspico che anche la Sovrintendenza possa vigilare su ciò che può rientrare di sua competenza, e non sorgano in piazza Erbe insegne di fast food”. (fonte ANSA)

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Ultime notizie

Da domani, lunedì 15 marzo, il Veneto entra in zona rossa. Non un lockdown ma poco ci manca. Ecco la lista dei principali divieti...

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Nei primi giorni di luglio, dall’8 all’11 ci sarà un ritorno alle vecchie restrizioni con Venezia in Zona Rossa per il G20 Il G20...

Copyright © 2021 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it