Seguici

Cerca nel sito

Ultime notizie

Veneto in zona rossa da lunedì. Zaia: “Siamo sul filo del rasoio”

natale venezia
veneto zona rossa zaia

Il governatore del Veneto Luca Zaia dà l’annuncio: da lunedì il Veneto rischia di essere in zona rossa. “Siamo sul filo del rasoio”

I numeri del Veneto continuano a salire. Ieri i distretti sociosanitari che hanno superato i nuovi parametri previsti dal Governo si sono visti chiudere le scuole da un’ordinanza del Governatore Luca Zaia. Che in conferenza stampa ha dato l’annuncio: da lunedì il Veneto rischia di essere in zona rossa: “Rispetto alla classificazione ve lo dico già. Ad oggi non abbiamo certezza certo è che siamo sul filo del rasoio rispetto ai numeri che si elaborano. Vi ricordo che il passaggio da zona da zona gialla a zona arancione è RT1. Da zona arancione a zona rossa RT1,25. Noi siamo sul filo del rasoio, come molte altre ragioni”.

-advertising-

Uno scenario da brividi quello della zona rossa, che rappresenterebbe il colpo di grazia definitivo per decine di migliaia di attività già quasi gettate sul lastrico dalle passate restrizioni

Una situazione grave come durante le passate ondate? Non esattamente. Sono semplicemente cambiati i criteri di valutazione. Ma a preoccupare il governatore del Veneto Zaia sono le temute varianti, molto più aggressive: “A dicembre non abbiamo avuto questa evoluzione perché avevamo un altro un altro parametro. Ma vi ricordo che il livello di trasmissibilità di oggi è molto più aggressivo. Prova ne sia se guardate la cartina dell’Italia vedete che in 15 giorni siamo partiti con 3 regioni colorate. Adesso è tutta praticamente arancione e sta virando verso il rosso”. Uno scenario da brividi quello della zona rossa, che rappresenterebbe il colpo di grazia definitivo per decine di migliaia di attività già quasi gettate sul lastrico dalle passate restrizioni.

L’appello che faccio al governo è che si deve segnare un grande cambio di passo rispetto agli indennizzi. Per i cittadini la morsa si fa sempre più sentire. Ci vogliono prospettive

E Zaia lo sa bene: “Io spererei che tutti andassimo in bianco, noi siamo arancioni adesso, la regressione del dato deve ripetersi nelle tre settimane, io spero di recuperare un’altra settimana di “fiato” in arancione, purtroppo le curve stanno salendo, a livello nazionale e regionale. Non so quale sarà il nostro destino. La mia speranza è quella di mantenere l’arancione, in zona rossa dovremmo chiudere i negozi, le scuole di ogni ordine e grado, i confini comunali, si avrebbero uscite solo per motivi di necessità. Si apre uno scenario non facile, servono congedi parentali, bonus baby sitter e una serie di misure che spero il Governo presenti e finanzi. L’appello che faccio al governo è che si deve segnare un grande cambio di passo rispetto agli indennizzi. Per i cittadini la morsa si fa sempre più sentire. Ci vogliono prospettive. Inizio e fine delle restrizioni. Ci vogliono ovviamente notizie che siano univoche perché non può essere che ognuno che passa dice la sua”.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico