Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

Veneto zona gialla: torna in scena l’arte

arte veneto covid

Con il ritorno del Veneto in zona gialla riaprono mostre, musei e siti artistici. Nella prima regione turistica d’Italia torna in scena l’arte: ecco gli appuntamenti più significativi.

A pensarci bene, oltre l’ovvio rischio diretto per la salute, ciò che di più disumanizzante ha questo virus è la sua capacità di uccidere ciò che di bello esiste nella vita delle persone. Basta relazioni, basta conoscenza attraverso il viaggio, basta arte e bellezza. E così, in una regione talmente snaturata da non sembrare nemmeno più sé stessa, per lunghi mesi l’arte è stata segregata dai DPCM del Governo Conte. Ma con il ritorno del Veneto in zona gialla riaprono mostre, musei e siti artistici e torna in scena l’arte. Numerosissimi gli appuntamenti.

-advertising-

“Van Gogh. I colori della vita”: riapre a Padova la mostra evento di Marco Goldin

Era da ottobre che erano chiuse nel Centro San Gaetano di Padova, ma da ieri martedì 2 febbraio sono finalmente tornate agli occhi dei visitatori: riapre infatti a Padova la mostra evento di Marco Goldin “Van Gogh. I colori della vita”. La mostra che era stata inaugurata per solo qualche settimana ad ottobre dello scorso anno, riapre adesso sino a venerdì 5 febbraio, mentre dall’8 febbraio sarà visitabile dal lunedì al venerdì, nel rispetto delle disposizioni nazionali. Sempre a Padova, nella mostra d Palazzo Zabarella, torna il piccolo mondo semplice de “I Macchiaoli”, a cura di Giuliano Matteucci e Fernando Mazzocca.

A Venezia la rassegna dedicata al fotografo Henri Cartier-Bresson

A Venezia invece a rompere gli indugi è la Collezione Pinault, con la sede di Palazzo Grassi riaperta da giovedì per le due rassegne di fotografia dedicate al talento di Henri Cartier-Bresson e l’Egitto in technicolor di Nabil (aperte giovedì e venerdì). Restano invece chiusi gli undici Musei Civici veneziani, assieme alla Fondazione Querini Stampalia e la Collezione Peggy Guggenheim.

A Vicenza giovedì 4 febbraio riaprono le Gallerie d’Italia-Palazzo Leoni Montanari con la mostra “Futuro”

Se i Musei Civici rimangono chiusi – dalla Basilica Palladiana al Teatro Olimpico – a Vicenza riaprono invece le Gallerie d’Italia-Palazzo Leoni Montanari con la mostra “Futuro”. Già da lunedì 1 febbraio aperto invece al pubblico il Museo Civico di Bassano. Al suo interno è possibile ammirare una nuova mostra dedicata allo scultore Orazio Marinali. Verona: chiuso invece Palazzo Maffei, mentre riaprono Castelvecchio e Gam, con quest’ultima che ospita la mostra “Contemporaneo non stop“, nuovo spazio espositivo dedicato all’arte di oggi.

A Treviso Musei Bailo e Santa Caterina gratuiti

A Treviso la riapertura sarà gratuita nei Musei Bailo e Santa Caterina per tutto il mese di febbraio. Da martedì 2 visitabile anche il museo canoviano di Possagno. Riprende anche la mostra dedicata Marc Chagall a Rovigo, dove a Palazzo Roverella è possibile ammirare oltre cento opere dell’artista russo.

Tanti appuntamento con la cultura in Veneto con la zona gialla: torna l’arte nella regione.

La Redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico