Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Peste suina: il Veneto mette a punto il suo piano di prevenzione

veneto peste suina

L’ampio e dettagliato documento del piano di prevenzione per la peste suina africana è stato approvato dalla Giunta regionale del Veneto

“Depopolamento, eradicazione, sorveglianza passiva e analisi del rischio. Sono queste le quattro principali direttrici sulle quali il Veneto intende puntare per la gestione e il controllo della peste suina africana, diffusa anche attraverso un numero troppo elevato di animali selvatici presenti sul territorio. Il Piano definito dalla Regione ha come obbiettivi la salvaguardia della sanità animale e la tutela del patrimonio suinicolo regionale e nazionale”. Lo dice l’Assessore alla Caccia del Veneto Cristiano Corazzari. Ritornando sul tema cinghiali e sul controllo della specie invasiva al centro del nuovo Piano Regionale di Interventi Urgenti (PRIU).

-advertising-

“Il Piano è operativo”

“Il Piano è operativo e aggiorna le conoscenze sia rispetto agli animali allevati che possono subire la patologia, sia rispetto alla distribuzione e agli interventi di controllo già eseguiti sugli animali selvatici. Ponendo le basi per determinare le aree di intervento e le priorità da intraprendere – specifica l’Assessore regionale -. Le azioni che metteremo in campo rispecchiano l’esigenza delle aree più colpite dalla presenza di cinghiali. Che sono state indentificate in una cartografia tematica. Inoltre, abbiamo individuato i soggetti coinvolti con i ruoli e le rispettive responsabilità riguardo a ciascuna azione”.

Sorveglianza degli allevamenti e degli animali allo stato libero, analisi degli animali trovati morti

La Giunta regionale ha approvato l’ampio e dettagliato documento che mira alla prevenzione della peste suina su proposta dell’Assessore alla Sanità, di concerto con l’Assessore alla caccia. Ed è scaricabile nella sua interezza, sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto.

Le attività previste dalla Regione sono attività di formazione e divulgazione. Ma anche sorveglianza degli allevamenti e degli animali allo stato libero, analisi degli animali trovati morti (da investimento o altro). Oltre al controllo numerico dei cinghiali allo stato libero attraverso una riduzione importante della loro numerosità.
I soggetti coinvolti sono vari. Tra questi, direzioni regionali, IZPS, servizi veterinari delle ULLSS, polizie provinciali, enti gestori dei parchi e delle aree protette, Veneto agricoltura, Avepa.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico