Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Un giudice di Venezia ordina a Facebook di riaprire il profilo di chi pubblica notizie che il social considera no vax

Facebook aveva chiuso il profilo considerato dal social stesso “no vax”. L’utente ha fatto ricorso alla magistratura e ha vinto

Secondo il tribunale di Venezia, la chiusura del profilo facebook considerato “no vax” dal social stesso lede alla libertà di pensiero; dunque il giudice ha fatto riaprire il profilo. L’azione del social network, che aveva cancellato il profilo di un utente perché aveva postato il collegamento a un articolo in cui si negava la pandemia, è stato considerato “illegittimo”.

-advertising-

Il quotidiano “Il Gazzettino” ha riportato la ricostruzione dell’intera vicenda, in cui l’uomo ha presenato un esposto alla magistratura dopo essersi visto cancellare il profilo, per un reato di opinione. Sembra che in questo Paese le idee vengano discriminate molto più di quanto si pensi. Per una volta, però la magistratura ha agito di conseguenza.

La ricostruzione della vicenda che ha portato alla cancellazione dell’account facebook considerato dal social stesso “no vax”

«Il ricorso era stato presentato da un uomo residente a Camponogara (Venezia). La vicenda risale al giugno scorso, quando il social network aveva deciso la chiusura del profilo seguendo la policy contraria alle teorie complottiste; in merito all’incitamento e alla diffusione di notizie false sul Covid-19. All’utente inoltre veniva contestato l’utilizzo contemporaneo di diversi profili».

«A quest’ultima osservazione, il ricorrente aveva ribattuto che il secondo account servisse a gestire pagine di alcune aziende di amici. Il collegio giudicante lagunare gli ha dato ragione; sentenziando che la chiusura è «non giustificata sul piano contrattuale e lesiva di interessi fondamentali; come quello alla vita privata e familiare ed alla libera manifestazione del pensiero».

“Contro il libero pensiero” così i giudici condannano facebook a riaprire il profilo

Ma c’è anche dell’altro. Secondo quanto sostengono i giudici; avere più profili sullo stesso social network non sarebbe una «condizione adeguata e sufficiente» al blocco, come invece aveva sostenuto Facebook stesso.

A questo punto, il tribunale non solo ha condannato Facebook a riaprire il profilo dell’uomo; ma ha anche predisposto una penale di 100 euro al giorno per ogni giorno di ritardo per il disagio che questo gli ha comportato. Sicuramente un bello smacco per chi pensava di avere il diritto di decidere sulle opinioni altrui.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico