Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Touring Club: sono 11 le bandiere arancioni al Veneto

Arquà Petrarca, in provincia di Padova (Foto: Chiara Grossi)

La Bandiera Arancione è stata assegnata quest’anno dal TCI a 262 borghi italiani, confermandone 251 già in essere. Tra questi 11 sono nel Veneto

Sono undici i borghi del Veneto che possono fregiarsi della bandiera arancione, vessillo assegnato ogni tre anni dal Touring Club Italiano. Un riconoscimento riservato a Comuni con meno di 15mila abitanti e che ha l’obbiettivo di valorizzare l’entroterra nel suo complesso. Comprendendo il sistema dell’accoglienza, il paesaggio, la storia e le tipicità. Il Veneto dimostra di essere una terra ricca, anche sotto questo punto di vista. Con piccoli tesori da riscoprire, valorizzare, ma soprattutto custodire.

-advertising-

I riconoscimenti del Touring Club al Veneto intendono evidenziare il potenziale turistico dei piccoli centri dell’entroterra

La Bandiera Arancione è stata assegnata quest’anno dal TCI a 262 borghi italiani, confermandone 251 già in essere. Tra questi 11 sono nel Veneto. Il marchio, valido per il triennio 2021-2023 e istituito 23 anni fa, intende evidenziare il potenziale turistico dei piccoli centri dell’entroterra. Con “l’obbiettivo di diffondere la conoscenza dei territori, soprattutto quelli meno noti, educando alla bellezza del paesaggio e dell’ambiente – scrive sul suo sito lo stesso TCI -”.

Le Bandiere Arancioni del Veneto sono: Arquà Petrarca (Pd), Asolo (Tv), Borgo Valbelluna (Bl), Cison di Valmarino (Tv), Malcesine (Vr), Marostica (Vi), Montagnana (Pd), Portobuffolè (Tv), Rocca Pietore (Bl), Soave (Vr) e Valeggio sul Mincio (Vr).

“Con la pandemia è cambiato il modo di viaggiare”

“Con la pandemia – spiega l’assessore al Turismo della Regione del Veneto, Federico Caner – è cambiato il modo di viaggiare e di pensare alle vacanze. Un plauso, dunque, alle Amministrazioni comunali per il riconoscimento ricevuto. Che premia anche l’impegno con il quale esse stanno affrontando la crisi. E che, inevitabilmente, ha travolto il comparto turistico, la prima industria del Veneto.

Le Bandiere arancioni del Touring Club Italiano al Veneto, prosegue Caner, dimostrano “che non solo che la nostra Regione è ricca di luoghi che godono di un patrimonio storico, culturale, ambientale di pregio. Ma anche di territori che sanno offrire un’esperienza di viaggio unica ai propri ospiti. Infatti, l’accoglienza, oltre ad essere uno standard da soddisfare per ottenere la Bandiera Arancione, è uno dei punti di forza dell’offerta turistica regionale. Un asset sul quale come Amministrazione continuiamo ad investire risorse per rendere perfetta l’esperienza di viaggio in Veneto”.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico