Seguici

Cerca nel sito

Fatti

I giovani del Teatro Stabile al Verdi di Padova immaginano il teatro post pandemia

La nuova produzione del Teatro Stabile del Veneto, ideata da un gruppo di cinque artisti, è in prova con la Compagnia Giovani al Teatro Verdi e alla Loggia Amulea di Padova. Andrà in scena a breve con un allestimento video e una trilogia di spettacoli dal vivo. Il percorso sperimentale indaga il desiderio e la morte, due temi cruciali del periodo di isolamento vissuto in questi lunghi mesi

Quale orizzonte ci aspetta dopo la pandemia e cosa ci resterà di questo momento? A chiederselo sono i registi Alessandro Businaro e Francesca Macrì. Assieme a Stefano Fortin e i drammaturghi Tommaso Fermariello e Tatjana Motta. Ovvero gli autori del nuovo progetto del Teatro Stabile del Veneto Orizzonte Postumo, in prova in queste settimane al Verdi e alla Loggia Amulea di Padova e prossimo al debutto.

-advertising-

Il lavoro prende vita dal percorso sperimentale che il gruppo di giovani artisti ha iniziato subito dopo il primo lockdown con i teatri ancora chiusi. Obiettivo: capire su che cosa l’epidemia Covid-19 ci interroga più profondamente. Ad aiutarli in questa analisi Dario del Fante, ricercatore del CNR di Pisa specializzato in digital humanities. Ovvero il campo di studi e ricerca che nasce dall’incontro di discipline umanistiche e informatiche.

Da una parte l’orizzonte inteso come apertura mentale e di pensiero, una reazione al momento di chiusura che tutti stiamo vivendo. Dall’altra la parola postumo

Dalle discussioni del gruppo sono emersi due punti nodali ai quali cercare di rispondere: quello del desiderio e quello della morte. Due temi che nel progetto vengono trattati con due punti di vista differenti e due allestimenti differenti. Da una parte un prodotto audio video. Dall’altra una produzione dal vivo con tre spettacoli. Una scelta che vuole rispecchiare anche la situazione attuale dei teatri, che con le sale chiuse hanno dovuto reinventarsi sperimentando nuove forme di interazione con il pubblico. Nei panni dei protagonisti 12 ragazzi della Compagnia Giovani del Teatro Stabile del Veneto.

La dualità del progetto si ritrova anche nel titolo che accosta due parole dall’ampia gamma di significati. Che messe insieme possono evocare sentimenti ambigui e apparentemente contrastanti: da una parte l’orizzonte inteso come apertura mentale e di pensiero, una reazione al momento di chiusura che tutti stiamo vivendo. Dall’altra la parola postumo, che può far pensare a un evento negativo come la morte. Ma che in questo caso viene inteso come ciò che resta dopo un trauma.

Dialoghi tra persone che cercano di raccontare, raccontarsi e immaginare successi. Rimanendo sempre vittime di fallimenti e speranze

A dirigere la produzione video la regista Francesca Macrì. Che insieme alla drammaturga Tatjana Motta affronta la tematica del desiderio attraverso il racconto di una festa ambientata in quattro luoghi diversi. La terrazza di un attico; il bagno di una discoteca squallida; il parcheggio di periferia; un teatro). Un girotondo che passa per depressioni ed euforie. Dialoghi tra persone che cercano di raccontare, raccontarsi e immaginare successi. Rimanendo sempre vittime di fallimenti e speranze. Ognuno dei personaggi cerca disperatamente di farsi trascinare dall’oscura forza di un desiderio senza nome chiamato futuro. Che alla fine poterà tutti loro a ritrovarsi, assieme alla festa, in un teatro, luogo di una visione collettiva.

Il regista Alessandro Businaro e il drammaturgo Tommaso Fermariello, portano invece dal vivo e sul palcoscenico il tema della morte. Lavorando a una trilogia che racconta il rapporto con il sommerso, con quei traumi che lasciano segni nascosti e che ci guidano, spesso più della coscienza, nelle nostre scelte quotidiane. Il viaggio di una donna attraverso la famiglia, il ritorno alla casa e all’infanzia. Il ritorno alla violenza. Il percorso che una donna intraprende per sciogliere un nodo, allentare delle tensioni.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico