Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Sfregiato in Russia il cippo in memoria degli Alpini

alpini

La follia della guerra, forse anche a causa delle infelici e provocatorie esternazioni della nostra diplomazia, non risparmia il cippo in Russia che ricorda tutti i Caduti nella Seconda Guerra Mondiale. Era stato collocato dall’Associazione Nazionale Alpini

A Rossosch, la città russa che fu sede del Comando del Corpo d’armata alpino nel 1942, è stato distrutto e sfregiato col simbolo della Z bianca il cippo che ricorda tutti i Caduti nella Seconda Guerra Mondiale. Il cippo era stato collocato dall’Associazione Nazionale Alpini davanti all’Asilo “Sorriso”. Una bellissima struttura per l’infanzia che ospita 180 bambini, costruita nel 1993 dai volontari alpini e donata alla città in segno di riconciliazione e fratellanza. Sul piccolo monumento si trovavano, stilizzati e sovrapposti, un cappello alpino e la stella simbolo dell’Armata russa. Mentre la targa sotto di essi ricordava “Da un tragico passato un presente di amicizia per un futuro di fraterna collaborazione”.

-advertising-

“Questo sfregio è una ferita nell’animo di tutti coloro credono nei valori della pacifica convivenza”

Che un simbolo di pace e fraternità, costruito da chi come gli Alpini ha conosciuto la guerra, venga sfregiato e distrutto da chi si ostina a portare avanti un’altra guerra è un messaggio terribile. Che, insieme alla morte di tante persone, una volta di più, ci dice che questo assurdo conflitto deve trovare al più presto la parola fine”.

Così il Presidente della Regione del Veneto commenta la notizia dell’oltraggio al cippo in ricordo di tutti i Caduti, costruito a Rossoch dall’ANA.

Zaia: “Esprimo tutta la mia solidarietà agli Alpini dell’Ana”

“Quel luogo è testimone dei combattimenti della seconda guerra mondiale” – prosegue il Governatore. “Ma anche di solidarietà, riconciliazione, fratellanza tra coloro che si erano combattuti. Il cippo sfregiato sorge di fronte all’asilo costruito dai volontari delle nostre Penne nere a distanza di mezzo secolo dal secondo conflitto mondiale. Questo sfregio è una ferita nell’animo di tutti coloro credono nei valori della pacifica convivenza. Esprimo tutta la mia solidarietà agli Alpini dell’Ana. Certo il loro spirito e la loro forza d’animo saranno pronti a restaurare il monumento. Quando, come ci auguriamo, anche questa triste guerra sarà finalmente conclusa”.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico