Seguici

Cerca nel sito

Persone

Sergio Berlato (FDI-ECR): “L’Europa è alle prese con il futuro passaporto europeo”

sergio berlato europa
Sergio Berlato, Deputato italiano al Parlamento europeo MEP nel Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei

L’UE presenta la nuova piattaforma unica digitale per la salute in Europa. Ma Sergio Berlato, Deputato italiano al Parlamento europeo MEP nel Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei, lancia l’allarme: “Tracciamento costante”

“Oggi proponiamo uno spazio europeo dei dati sanitari” con l’obiettivo che “inizi a funzionare entro il 2025”, a beneficio “di tutti i cittadini dell’Ue”. Questo è quanto afferma il commissario alla Salute dell’Europa, Stella Kyriakides, presentando la nuova piattaforma unica digitale Ue per la salute. La condivisione di dati sanitari aggiornati è “la chiave per contrastare le minacce come il Covid”, ha sottolineato Kyriakides, ma anche per alleggerire i costi per i sistemi sanitari. Peccato che la recente nefasta esperienza del Green Pass, con le conseguenti discriminazioni, getti una luce dubbia su queste iniziative dell’Europa, che potrebbero presto trasformarsi in strumenti di controllo e penalizzazione. Esattamente come appena avvenuto nel nostro Paese con il famigerato certificato verde. Ed è proprio questa la preoccupazione dell’on. Sergio Berlato, Deputato italiano al Parlamento europeo MEP nel Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei.

-advertising-

L’on. Sergio Berlato: “Non stiamo parlando di sicurezza dei cittadini europei”

“Altro che dire addio al lasciapassare verde, – spiega Sergio Berlato – qui l’Europa è alle prese con la creazione del futuro passaporto europeo. Il pensiero unico e mainstream cerca di convincerci ogni giorno che il famigerato lasciapassare verde diventerà solo un lontano ricordo”.

“Tuttavia, – prosegue Sergio Berlato – da Bruxelles l’Europa si esprime in maniera diversa, presentando la nuova piattaforma unica digitale europea per la salute. Insomma, l’Europa vuole farci creare una nuova identità digitale che ci dovrebbe permettere di fare qualsiasi cosa, dal pagare le tasse al noleggiare una bicicletta. Alla faccia della privacy: non stiamo parlando di sicurezza dei cittadini europei, ma di un vero e proprio tracciamento costante. L’Europa si sta trasformando nel mondo dispotico immaginato da George Orwell”.

La redazione

(“Articolo redazionale a pagamento offerto dal gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei”)

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico