Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Riprendono le ricerche dei dispersi sul ghiacciaio della Marmolada

Entro la fine di questa settimana è prevista la ripresa dell’attività di ricerca dei resti delle vittime del disastro sul ghiacciaio della Marmolada.

Dopo la forte calura dei giorni scorsi, adesso le temperature in quota si stanno finalmente abbassando. Questo scongiurerebbe in parte ulteriori valanghe e distaccamenti del ghiacciaio della Marmolada, permettendo nuove ricerche.

-advertising-

Occhi puntati sul meteo

La commissione tecnica, coordinata tra la Provincia Autonoma di Trento e la Regione Veneto, in costante consultazione con le stazioni meteo, nei prossimi giorni assumerà la decisione definitiva sulla ripresa delle ricerche.

La tragedia del ghiacciaio della Marmolada

La massa di materiale staccatosi dal ghiacciaio della Marmolada era scesa a una velocità di 300 chilometri l’ora.Questo era quanto avevano accertato i tecnici del Soccorso Alpino Trentino che hanno mappato tutta l’area della montagna in cui si è verificato il crollo del seracco. Una parte consistente del ghiacciaio è ancora attaccata alla montagna: si tratta di un fronte di ghiaccio di 200 metri con un’altezza di 60 metri ed una profondità di 80 metri. “Se si volesse fare un termine di paragone, dicono gli esperti, si tratta dell’equivalente di due campi di calcio colmi di ghiaccio. Il tutto esposto a 45 gradi di pendenza”. Riportava giorni fa il presidente della provincia trentina Maurizio Fugatti.

Il rischio è ancora alto

Il materiale che si è staccato è invece esteso su un fronte di due chilometri sulla via normale ad un’altezza di circa 2.800 metri. Questo significa che la massa di materiale staccatosi ha percorso almeno 500 metri con una velocità stimata dai tecnici pari a 300 km l’ora. Un ulteriore distaccamento del ghiacciaio della Marmolada, potrebbe essere, adesso, ancora più letale per i soccoritori alle prese con le ricerche dei dispersi.

Aldo Marzio 

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Persone

Il mitico cantante Bobby Solo, talmente innamorato di Badia Polesine da decidere di viverci, denuncia una truffa lunga trent’anni che gli sarebbe costata centinaia...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma