Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

Torna “La primavera del Prosecco”, il più grande festival enogastronomico diffuso dell’alta Marca Trevigiana

primavera del prosecco

Ciò che rende unica la Primavera del Prosecco Superiore è la capacità di far vivere al turista un’esperienza indimenticabile. Immergendolo nello spirito che anima le 17 Mostre di Primavera grazie a spettacoli, visite guidate, passeggiate naturalistiche, eventi sportivi e tante altre manifestazioni

Il più grande festival enogastronomico diffuso sulle Colline del Prosecco è tornato. “La Primavera del Prosecco” animerà le Colline da Conegliano a Valdobbiadene dal 16 aprile al 12 giugno. Un appuntamento dedicato a chi ama immergersi nell’esplosione di sapori e di colori dell’alta Marca trevigiana. La rassegna delle mostre è un vero e proprio itinerario enogastronomico che mette in risalto tutte le produzioni tipiche locali in uno dei più variegati contesti veneti. Antiche rocche, straordinarie abbazie, strade e sentieri immersi tra gli splendidi vigneti presenti nell’area costituiscono i piaceri di un unico viaggio per chi ama sorseggiare il territorio che visita. E per chi è sempre alla ricerca delle radici che contraddistinguono ogni paese della nostra Italia.

-advertising-

Il tutto in un territorio magico, entrato nel Patrimonio dell’umanità UNESCO

La rassegna, nata 26 anni fa dalla grande forza del volontariato delle Pro Loco, è infatti una delle più importanti manifestazioni enoturistiche italiane. Ciò che rende unica la Primavera del Prosecco Superiore è la capacità di far vivere al turista un’esperienza indimenticabile. In cui la grande tradizione enologica del Conegliano Valdobbiadene DOCG diventa il “filo d’Arianna”. Che guida il visitatore alla scoperta del territorio, della cultura e dell’ospitalità locale. Immergendosi nello spirito che anima le 17 Mostre di Primavera grazie a spettacoli, visite guidate, passeggiate naturalistiche, eventi sportivi e tante altre manifestazioni.

Il tutto in un territorio magico, entrato nel Patrimonio dell’umanità UNESCO. E celebrato nei versi del poeta Andrea Zanzotto, figura alla quale è ispirato il programma di visite dal titolo “Cartoline inviate dagli dei”. Che, dopo il successo della scorsa edizione, quest’anno si amplierà in due diversi filoni: naturalistico e culturale.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico