Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

Chiude a causa del caro bollette il “Nuoto 2000”, la piscina di Padova e dei padovani

Chiude i battenti a causa del caro bollette il “Nuoto 2000”, da decenni la piscina dei padovani e oasi di riferimento per tutta la città di Padova durante la bella stagione

Alla fine anche loro hanno dovuto gettare la spugna a causa del caro bollette che, dopo il flagello della pandemia e delle conseguenti restrizioni, sta devastando interi settori economici e produttivi del Veneto. Chiudono i battenti la piscina “Nuoto 2000”, da decenni le piscine dei padovani e vera e propria oasi di riferimento per tutta la città di Padova durante la bella stagione.

-advertising-

L’annuncio attraverso un comunicato sui social: “Da lunedì 14 febbraio le vasche del Centro Sportivo 2000 rimarranno chiuse. Per rendere l’impianto accessibile, mantenendo l’alto livello di accoglienza che abbiamo sempre proposto, senza andare a pesare sugli utenti aumentando i costi dell’attività, ci troviamo però oggi, alla ricezione dell’ulteriore gravosa bolletta, costretti a chiudere temporaneamente le vasche”. I gestori indicano chiaramente il motivo della chiusura: i costi dell’energia impazziti all’improvviso, che in alcuni casi qui nel Veneto hanno raggiunto aumenti del 700%.

Ovviamente questo sta creando non pochi problemi tra i fruitori abituali delle piscine, quelli per intendersi con abbonamento: “Ci scusiamo infinitamente per il disagio che questo crea a tutti i nostri affezionati utenti: per tentare di non interrompere la continuità sportiva delle Vostre attività, vi proponiamo l’utilizzo delle mensilità già saldate nei corsi attivi presso il Centro Sportivo del Plebiscito, oppure l’emissione di un voucher pari all’importo già saldato da utilizzare, presso il C.S.2000, alla riapertura delle vasche, presumibilmente marzo/aprile quando le temperature renderanno l’impianto nuovamente accessibile”.

Infine le inevitabili scuse alla clientela, con una promessa: “Scusandoci ancora con Voi, ricordiamo che questo è un arrivederci: riapriremo più forti di prima!”. Scuse che ovviamente non dovrebbero essere loro a porgere, ma chi con ruoli di responsabilità diretta, lascia aumentare le bollette oltre ogni sostenibile livello. Facendo pure a finta di niente.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico