Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Riparte il Pil del Veneto dopo la pandemia: il 2021 segna un +5,9%

Il Bollettino socio-economico della Regione Veneto segna una ripresa dell’economia Veneta nel dopo pandemia: Pil +5,9%, consumi -4,2%, export +24,2%

Dopo i mesi di stop causati dalla pandemia il Veneto “riparte”: a dirlo è il Bollettino socio-economico regionale, che riporta i principali dati congiunturali aggiornati a ottobre 2021. Il Pil regionale, dopo la contrazione del 2020 (-9%) è in salita, tanto che le previsioni per il 2021 sono state riviste al rialzo ipotizzando un +5,9%, maggiore del +5,3% nazionale. Ripartono i consumi delle famiglie, che saliranno per il 2021 del 4,2% contro una media nazionale del 3,6. Si prospettano in crescita anche gli investimenti in Veneto, crollati del 9,8% lo scorso anno: per il 2021 la stima è di un +16% a fronte di un dato nazionale di +15,5%.

-advertising-

Da segnalare il balzo in avanti dell’export nel primo semestre, con un +24,2% rispetto allo stesso periodo del 2020, performance in linea con quella nazionale. Trainano l’export veneto le produzioni di metallo, i macchinari e il comparto moda. I mercati più dinamici nel semestre sono Francia (+982 milioni di euro), Germania (+802 milioni) e USA (+498 milioni).

“Vola” il mercato del vino

“Vola” il mercato del vino, che dopo un primo trimestre di incertezza, con un dato di export negativo (-6,8% rispetto allo stesso periodo del 2020), nel primo semestre ha una importante ripresa (+12% rispetto al 2020). Nei primi sei mesi le esportazioni di vino made in Veneto arrivano a 1.142 milioni di euro, oltre un terzo del valore delle esportazioni nazionali, superando anche il dato registrato nel I semestre 20219 (1.071 milioni), prima della pandemia.

È raddoppiato a luglio il flusso nelle città d’arte rispetto al 2020, ma è ancora metà di quello pre-pandemia

L’estate ha regalato una ripresa del comparto turistico: +38,4 per cento di arrivi e +57,5 per cento di presenze nei primi sette mesi del 2021 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tuttavia resta ancora sfavorevole il confronto col 2019 (-56% di arrivi e -46,3% di presenze). Sono cresciute le destinazioni balneari (+8% di arrivi a luglio rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) grazie alla presenza di turisti italiani (+46%) che compensa il calo degli stranieri (-9,8%). Crescono anche le terme (+ 7,6% di arrivi a luglio 2021 rispetto a luglio 2020), mentre al lago il numero di turisti pernottanti è tornato a livelli pre-Covid. È raddoppiato a luglio il flusso nelle città d’arte rispetto al 2020, ma è ancora metà di quello pre-pandemia. Nel complesso il bimestre estivo ha registrato quasi 17 milioni di presenze contro i 23 dello steso periodo del 2019 (-28%).

La ripartenza del turismo ha avuto una ricaduta positiva sul mercato del lavoro, che dal secondo semestre ha iniziato a dare segnali di ripresa. I dati di Veneto Lavoro segnalano nei primi otto mesi del 2021 un aumento di assunzioni specie nei settori industria e servizi (rispettivamente +23% e +20% rispetto all’anno precedente).

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico