Seguici

Cerca nel sito

Ultime notizie

Politici veneti disertano il discorso di Zelensky al parlamento, contrari alla guerra

Il presidente ucraino Zelensky ha tenuto un discorso al parlamento italiano per chiedere armi e aiuti nella guerra contro la Russia, ma non tutti i politici erano d’accordo

Il discorso di Zelensky al parlamento italiano ha diviso i politici di molti schieramenti. Per quanto riguarda il Veneto si può contare un drappello di parlamentari che hanno una posizione decisamente contraria a quella del presidente ucraino, indipendentemente dallo schieramento di appartenenza.

-advertising-

È il caso di Vito Comencini, leghista e da sempre filo-russo, che rivendica la sua posizione coerente. «Non ho partecipato, coerentemente, perché credo che questa non sia la strada giusta per portare davvero a quella soluzione diplomatica e pacifica che tutti auspichiamo. Inoltre sarebbe stato da parte mia irrispettoso verso la popolazione del Donbass, che ho sempre sostenuto e che in questi ultimi otto anni ha subito una enorme tragedia, ancora oggi quasi completamente ignorata dai media occidentali».

La posizione coerente di Comencini che ha disertato il discorso di Zelensky: «Sto con il Dombass, non potevo certo esserci»

Una posizione che, condivisibile o meno, porta alla luce degli eventi spesso taciuti dai media e sconosciuti ai più. Questo non significa che Comencini sia a favore della guerra, anzi! Le parole finali della sua arringa lo spiegano benissimo. «Ritengo sia necessario privilegiare in modo netto la via diplomatica, per arrivare quanto prima al cessate il fuoco e alla pace».

Anche il sindaco di Trissino, nel vicentino, sempre della Lega, Davide Faccio, si schiera contro il discorso del presidente ucraino Zelensky. Che sui social scrive; «Premetto che non sono a favore di Putin, soprattutto delle azioni di guerra criminali che sta facendo….non sono però neanche d’accordo con l’ovazione fatta in parlamento italiano oggi quando ha parlato Zelensky….uno che chiede armi e dice che siamo ormai nella terza guerra mondiale non può avere il mio sostegno. Questi sono pazzi».

Non solo leghisti a opporsi al presidente ucraino, anche Alternativa, ex movimento 5 stelle

Ma non sono solo i leghisti a opporsi all’invio di armi in Ucraina. Ci sono anche alcuni veneti di Alternativa (erede del Movimento 5 stelle). Parliamo di Arianna Spessotto, Alvise Maniero e Raphael Raduzzi. Citando la Costituzione in cui è chiaramente specificato che «l’Italia ripudia la guerra» hanno disertato l’aula e stanno organizzando una manifestazione.

«Ho ascoltato il discorso di Zelensky. Se possibile, sono ancora più convinto che all’Ucraina dovevamo e dobbiamo un vero supporto per garantire pace, e non certo quanto sta succedendo tra Est ed Ovest primariamente a spese di questo popolo. Basta all’ipocrisia di chi invoca la pace inviando armi» sostiene Maniero.

Si sta organizzando una manifestazione per protestare contro gli aiuti, con lo slogan ripreso dalla Costituzione. «L’Italia ripudia la guerra».

Spessotto, invece, aggiunge: «Riteniamo si tratti di una forzatura che non cambia di una virgola lo stato delle cose. Si tratta solo e soltanto un’operazione di marketing che non servirà a far cessare le ostilità e non avrà alcuna utilità per la parte offesa. È inaccettabile che, invece di adoperarsi per realizzare una grande conferenza di pace, l’Italia invii armi in teatro di guerra e dia seguito alla spettacolarizzazione di una tragedia». 

E su Roberto Fico: «Dovrebbe mantenere un ruolo super partes non organizzare eventi mediatici che avviliscono ancora una volta il parlamento, relegandolo a mero spettatore di un comizio tra il presidente Zelensky e Draghi senza possibilità di interazione alcuna». 

Mentre le parole di Silvia Benedetti, sono state: «La mia componente ha scelto di esserci. Abbiamo notato una differenza nelle richieste di Zelensky che non ha citato la no fly zone. Ci ha stupito Draghi entusiasta nello spedire più armi. Quelle che abbiamo spedito in Afghanistan sono poi finite in mano ai talebani… non credo sia sensato correre un rischio del genere».

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico