Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Ordinanza anticiarpame fa chiudere negozio d’arte persiana a Venezia

Fa discutere l’applicazione di una ordinanza anti-ciarpame che ha fatto chiudere Koock – Migrazioni, un laboratorio che vende oggetti d’arte persiana in centro storico.

Per l’intera mattinata, il sito internet del Comune di Venezia è stato inondato da decine di lettere e mail di protesta. Il motivo è l’applicazione di una ordinanza anti-ciarpame che ha fatto chiudere Koock – Migrazioni, un negozio/laboratorio che vende oggetti d’arte persiana in centro storico.

-advertising-

L’amministrazione municipale, il 26 aprile aprile scorso, aveva disposto la chiusura di tutti i negozi veneziani che vendono paccottiglia. Da qui il provvedimento che ha portato alla chiusura di Koock, in quanto assimilato alle tante cineserie presenti in città.

La delusione della commerciante

A raccontare l’accaduto alla Nuova Venezia è Yasra Pouyeshman, di 39 anni. Ingegnere, arrivata in Italia nel 2008, a causa della nuova ordinanza anticiarpame Yasra è stata costretta oggi ad abbassare la serranda, aperta appena poche settimane fa. “Purtroppo ci siamo finiti anche noi perchè ci è stato detto che non esiste un codice Ateco per la nostra attività”. 

La commerciante continua poi a spiegare: “Per me è un danno economico ma soprattutto uno schiaffo morale, lavoro da sola. Non è facile aprile una attività artistica a Venezia. Speravo di vendere soprattutto in questio periodo in cui c’è la Biennale d’arte”.

Pregio o degrado?

Opere d’arte di tessuto o di ceramiche realizzate da artisti contemporanei, in particolare donne. Probabilmente dovrebbero essere lontani dal mirino dell’ordinanza anticiarpame. Yasra elenca così la merce in vendita nell’atelier. “Ci sono i gioielli di Sarah Ramzi, le borse di Nogolo Shalali, gli abiti delle stiliste Sanaz Nataj e Mehrnoosh Shahhosseini e le sculture dell’afgano Alikhan Abdullah”.

La negoziante ha incaricato i suoi commercialisti di tentare di risolvere la questione legata all’ordinanza anticiarpame in Comune. “Cercheremo di risolvere il problema, ma non è semplice” hanno risposto i tecnici di Ca’ Farsetti.

Identità vs esterofilia

Certo è che, se il problema delle cianfrusaglie cinesi degrada la bellissima Venezia, proprio in virtù dell’antica identità cittadina, un simile negozio potrebbe invece arricchirne la preziosità storica, artistica e commerciale. Molteplici sono stati i rapporti di Venezia con le antiche vie della Seta o delle Spezie sbarcavano nella Laguna. E’ la storia stessa della sua storica Repubblica. Bene dunque l’ordinanza anticiarpame, ma il Comune dovrebbe rivederla nei suoi più ampi casi.

Andrea Pesavento

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico