Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

Tutto il Louvre on line: ecco gli artisti veneti da vedere – parte 3

Museo Louvre artisti veneti Tiepolo

Il Museo del Louvre mette on line tutta la propria collezione: Tiepolo è l’ultimo colpo di mercato fra gli artisti veneti

Nel gioco degli artisti veneti presenti al Louvre, Tiziano come abbiamo visto spaia le coppie. Non solo balla a due con Giorgione, ma si trova in quadriglia con Carpaccio, Lotto e Tintoretto. Al primo contende una tela, agli altri impone la sua presenza scenica con cui fare i conti.

-advertising-

Accanto poi al Veneto raccontato da vedutisti anonimi, Jacopo Bassano puntualizza su carta i suoi personaggi, con ritratti a matita che attraversano il tempo. Tiepolo è infine l’ultimo fra gli artisti veneti ad essere acquistato dal Museo del Louvre, ma sullo sfondo dei suoi quadri si agita il Veronese.

Da Ponte, un cognome per due artisti

Jacopo Da Ponte, meglio conosciuto come Jacopo Bassano e Lorenzo Conegliano, meglio conosciuto come Lorenzo Da Ponte. Nella camera degli specchi della storia dell’arte si riflettono nomi e toponimi. Jacopo, nato Da Ponte nel 1510, prenderà il nome del luogo di nascita (Bassano del Grappa); mentre in Lorenzo, nato Conegliano nel 1749, il toponìmico aveva già perso peso nelle generazioni precedenti. Lui, discendente di un Israel da Conegliano, nasce nel ghetto di Ceneda. Il cognome Da Ponte lo prenderà dal vescovo Lorenzo, quando suo padre si farà battezzare cristiano insieme ai figli.

Dei due solo il primo abita le sale parigine. Jacopo Bassano vive nel tratto dei suoi disegni: soggetti quotidiani come un giovane inciso sul foglio come un soldato al fronte, poi una giovane donna e un’anziana. Il personaggio maschile che completa le coppie è Abramo, che si muove su uno fondo celeste e terreno. Lorenzo Da Ponte, il librettista di Mozart, non arriverà a Parigi per consiglio di Antonio Canova per timore della Rivoluzione francese.

Veronese e Tiepolo, il rapporto di causa effetto

Anche se vissuti in secoli diversi, Paolo Veronese (1528-1588) e Giambattista Tiepolo (1696-1670) sono legati a doppio filo. Veronese ha segnato il perimetro dove Tiepolo ha sollevato la propria città artistica. La lezione del primo viene studiata dal secondo, che la mastica e la digerisce, elaborando il suo stile pittorico. Ritrovarsi al Louvre è quindi solo un altro incrocio.

Fra le opere di Paolo Veronese spiccano Le nozze di Cana, presa dalle truppe napoleoniche al convento benedettino dell’Isola di San Giorgio Maggiore. Si tratta di una tela monumentale dove Veronese mette in scena un grande teatro. Più che un pittore vediamo un regista e uno scenografo: i personaggi si snodano fra le scene multiple del quadro, vestite di colori incandescenti.

Tiepolo è invece l’ultimo fra gli artisti veneti ad essere stato acquistato dal Museo del Louvre. Infatti a fine 2020 ha acquisito Giunone fra le nuvole, risalente al 1735 e realizzato su commissione del vescovo Gerardo Sagredo. Con questa tela monumentale (3,50 x 2,10 metri) il museo francese in un colpo solo ha aggiunto una freccia all’arco delle opere italiane e ha dato peso a Tiepolo, presente fino ad allora con quadri di piccolo formato.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico