Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

Al Museo del ‘900 di Mestre grande protagonista Sua Maestà, il Bosco veneto

mestre bosco veneto

Per quattro settimane, sino al 16 aprile 2021, il terzo piano del museo M9 di Mestre si popolerà di un bosco di oltre 600 essenze arboree. Una vera e propria “foresta temporanea”, per raccontare il rapporto che unisce il territorio veneto ai suoi boschi

Il bosco veneto: è questo il protagonista di “Foresta M9” prima mostra temporanea che il Museo del ‘900 di Mestre ospita nel 2021. Una mostra che vuole essere anche un gesto di reazione all’attuale crisi provocata dalla pandemia. Per quattro settimane sino al 16 aprile 2021 il terzo piano del museo di Mestre si popolerà infatti di oltre 600 essenze arboree. Tra queste querce, carpini, farnie, oppi, olmi campestri, frassini, ciliegi, sanguinelle, noccioli, cornioli, sambuchi, frangole, biancospini, ligustri, rose canine, prugnoli e lantane. In totale 180 alberi, alti fino a 4 metri, sovrasteranno con la loro chioma la vegetazione sottostante, tipica da sottobosco, con altezze tra i 30 e i 40 centimetri.

-advertising-

Le piante più giovani saranno donate ai cittadini per un collettivo “guerrilla gardening” che diffonda l’arte di coltivare la biodiversità

Si tratta di una vera e propria “foresta temporanea” nel cuore del museo M9. Foresta M9 sarà inoltre riflessa sulle pareti del terzo piano grazie all’applicazione di una pellicola a specchio, dove si sottolineerà il rapporto che unisce il territorio veneto ai suoi boschi. A conclusione della mostra, sette Comuni di medie e grandi dimensioni della pianura veneta, riceveranno in dono dal museo M9 alcuni degli alberi che animano l’installazione per il proprio territorio. Le piante più giovani saranno invece donate ai cittadini per un collettivo “guerrilla gardening” che diffonda l’arte di coltivare la biodiversità, nel proprio giardino o nel proprio quartiere.

La presentazione di Foresta M9 sarà anche l’occasione per far conoscere il progetto di “tecnologia verde” che intende rendere M9 il più grande museo italiano a impatto energetico zero

Associato alla mostra c’è il “Premio Jean Giono. L’Uomo che piantava gli alberi”. Istituito da Veneto Agricoltura, viene assegnato a una personalità che si è contraddistinta nella promozione e realizzazione di impianti di vegetazione legnosa. La presentazione di Foresta M9 sarà anche l’occasione per far conoscere “M9 Impatto Zero”. Ovvero il progetto di “tecnologia verde” che intende rendere M9 il più grande museo italiano a impatto energetico zero. Questo attraverso l’installazione di un impianto fotovoltaico sui tetti degli edifici del distretto per raggiungere la neutralità energetica entro il prossimo triennio. L’impianto porterà a una espansione della potenza da 80 a 270 kW con l’obiettivo di rispondere alle esigenze energetiche del museo senza impatto sul territorio.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico