Seguici

Cerca nel sito

Ultime notizie

Otto locali di Treviso chiusi per schiamazzi e musica alta

alloggi popolari treviso

Risse tra pegiudicati, schiamazzi, musica altissima: i residenti sono in rivolta contro molti locali di Treviso. Grandi accusati i locali stranieri

Alcuni locali di Treviso sono diventati punti di ritrovo per pregiudicati, oltre che teatro di spiacevoli episodi che hanno molto colpito la cittadinanza. Luoghi al di là delle regole, dove la legge sembra non avere alcun potere.

-advertising-

A causa di questi locali i residenti si sono spesso lamentati per il chiasso, con il conseguente intervento delle forze dell’ordine. Si parla di segnalazioni a ripetizione, per attivare un giro di vite attorno a queste attività. La maggior parte sono bar.

L’ultimo sanzionato è un ristobar africano dove era scoppiata una rissa

L’ultimo a essere sanzionato è stato il ristobar africano «Wisdom bar and restaurant» di via Canizzano. Nei prossimi 15 giorni dovrà restare chiuso per tutta la notte, o meglio, dalle 20 alle 6 del mattino. Un’ordinanza firmata direttamente dal sindaco, Mario Conte e notificata ai proprietari dalla polizia locale, venerdì.

Questa manovra preventiva, però, non è nata dal nulla, ma da un episodio che ha visto il bar coinvolto la settimana scorsa. La polizia locale è dovuta intervenire nella mezzanotte tra sabato e domenica, su segnalazioni dei residenti. Nel locale, oltre alla musica ad altissimo volume, era anche scoppiata una rissa.

La polizia locale sui locali di Treviso chiusi: «Minano la tranquillità dei residenti»

Il comandante della polizia locale, Andrea Gallo, cerca sul Corriere del Veneto di fare luce sulla vicenda. «Episodi di queste genere minano la vivibilità e la tranquillità dei residenti che vanno tutelati con provvedimenti urgenti per prevenire ulteriori e nuovi episodi».

Se si fa una mappa di Treviso, si vedrà che il quartiere in cui la polizia locale e la Questura sono intervenuti com maggiore frequenza è San Liberale. Anche nel caso del «Dema’s» di via Tre Venezie si tratta di un locale gestito da cittadini africani. La cui attività si è interrotta più volte. L’ultima nel Luglio 2021, sempre a causa di schiamazzi. Uno stop di 10 giorni.

Anche alcuni locali cinesi sono stati sanzionati, perché frequentati da pregiudicati

Il 2 marzo scorso è stato invece il turno del bar «Rok», stavolta gestito da cinesi, che ha chiuso per 7 giorni. Il motivo della chiusura è sempre da ricercarsi nella clientela, per la maggior parte pregiudicati. Altri bar, invece, chiusi di recente, sono il bar «Allo Stadio» (meglio conosciuto come «dai cinesi») di via Foscolo e il bar «Bixio» nelle vicinanze.

Di poco precedente è la chiusura di due locali in Via Roma e Piazza San Vito. Persino in provincia le cose non vanno meglio. Anche lì si registrano casi di chiusure. Com’è accaduto al «Merry’s», sempre per questioni di ordine pubblico.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico