Seguici

Cerca nel sito

Persone

Il Leone d’Oro alla carriera dalla Biennale di Venezia va a Krysztof Warlikowski

Il regista teatrale polacco Krysztof Warlikowski ha ricevuto oggi il Leone d’Oro alla carriera dalla Biennale di Venezia – Teatro. La cerimonia si è svolta in presenza

Accolto da un boato e da un lunghissimo applauso, un commosso Krysztof Warlikowski ha ricevuto oggi il Leone d’Oro alla carriera dalla Biennale di Venezia – Teatro. Il regista polacco ha spiegato che il premio “non è un coronamento alla carriera”, bensì “un obbligo a continuare il mio viaggio”.

-advertising-

“Siamo nuovamente in presenza, questa è la prima gioia che vogliamo presentare”

Il presidente Roberto Cicutto ha ribadito che è proprio questo il motivo che ha portato la Fondazione a premiare l’artista: “È proprio questa la ragione, che continui a regalarci la sua ricerca il suo pensiero e il suo talento”. Non è mancata, da parte di Cicutto, la volontà di alzare ulteriormente l’asticella della Biennale: “siamo nuovamente in presenza, questa è la prima gioia che vogliamo presentare. Siamo felici, ma sappiamo che vorremo fare ancora meglio di quanto fatto finora”.

Al momento della consegna del premio si è verificato un divertente siparietto tra Cicutto e Warlikowski: “a causa del Covid – ha affermato il presidente della Biennale – deve prenderlo in maniera autonoma”, seguito da un boato del pubblico e da qualche lacrima da parte del regista, che si è messo a disposizione dei fotografi in posa con il Leone d’oro.

Quindi una riflessione sul concetto di memoria: “mi sono chiesto, con il Covid, quanto abbiamo perso”

Dopo i ringraziamenti di rito, in italiano, l’artista ha ricordato un membro del suo team, in inglese: “questo onore arriva in un momento speciale per il teatro, un momento senza precedenti, in cui un membro, Sigmund Milanovich, è morto di Covid prima della prima della mia Odissea, questo premio è anche per te”. Quindi una riflessione sul concetto di memoria: “mi sono chiesto, con il Covid, quanto abbiamo perso, viviamo in un presente dove più siamo giovani e più siamo immersi in una dimensione virtuale del presente. Sembriamo curarci meno del passato. Se ci tagliamo fuori dalla nostra memoria – ha concluso – non saremo più in grado di comprendere il mondo in cui viviamo. (fonte: ANSA).

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico