Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

L’eleganza veneta di Villa Maser

Villa Barbaro a Maser, è un chiaro esempio di architettura veneta, nonché una delle più belle ville venete della riviera del Brenta

Villa Maser fu costruita tra il 1554 e il 1560 da Andrea Palladio, l’architetto vicentino che ha regalato al Veneto meravigliosi edifici, dalla linea inconfondibile e dall’impronta neoclassica. Al suo interno si possono trovare anche incredibili affreschi, veri e propri capolavori di Paolo Veronese.

-advertising-

I committenti erano Daniele Barbaro, fine umanista cinquecentesco e Marcantonio Barbaro, suo fratello nonché ambasciatore della repubblica di Venezia. I due, infatti, volevo rimodernare il vecchio palazzo medievale di famiglia, adeguandolo alla moda del tempo. E, a giudicare dallo splendore che la Villa ancora oggi sprigiona è indubbio che ci siano riusciti.

Un patrimonio unesco tutto Veneto: Villa Maser

Tutto il complesso della Villa, compreso anche il tempietto palladiano, è stato inserito nel Patrimonio dell’umanità Unesco nel 1996. Non si tratta di un’esclusiva di questa Villa. Anche le altre ville venete condividono questo grandissimo onore e orgoglio per la Regione. Che si possono visitare anche con una bellissima crociera.

Villa Maser, infatti, non è solo bellissima ma fu anche un’innovazione architettonica. Per la prima volta in una Villa si riusciva a unire in un unico complesso architettonico la casa dominicali e le barchesse, allineate. Si pensa che abbia giocato un ruolo favorevole anche la particolare localizzazione della Villa, sulle pendici di un colle.

Tempietto palladiano e museo delle carrozze, splendido compimento di eleganza

Nel complesso di Villa Maser Palladio inserì anche un tempietto in stile neoclassico che doveva fungere da cappella di famiglia e anche da parrocchia per il paese di Maser. Questa impresa del grande Andrea Palladio fu l’ultima per lui, poiché pare che morì proprio durante i lavori.

Un’altra preziosa aggiunta alla visita della Villa è sicuramente il Museo delle Carrozze. Per poter ammirare questo incredibile e peculiare museo che ospita una collezione con circa trenta veicoli del XIX e XX secolo, bisognerà mettersi in cammino lungo la collina, ma il panorama che si riuscirà a scorgere una volta giunti in cima, saprà ripagare della passeggiata.


Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico