Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Industria: Padova-Treviso +39,1% nel secondo trimestre

La produzione industriale accelera e ricuce lo strappo del 2020. Nel secondo trimestre del 2021 l’industria di Padova e Treviso supera i livelli pre-pandemia

L’industria accelera e ricuce lo strappo del 2020. Nel secondo trimestre del 2021 l’attività industriale di Padova e Treviso supera i livelli pre-pandemia. Fra aprile e giugno la variazione della produzione è del +39,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, minimo della crisi e del +9,9% rispetto al 2019. Pur con eterogeneità settoriale. Un risultato record, spinto dal ritorno robusto della domanda interna (+47,4%) e dalla corsa dell’export (+61,8% rispetto al 2020, già influenzato dagli effetti del Covid), soprattutto extra-UE.

-advertising-

I prezzi alti (per il 91,3%) e la scarsità delle materie prime possono costituire un vincolo alla ripresa

Il balzo degli ordini, sia interni che esteri (+54,2%), anticipa che tale contributo continuerà anche mei mesi estivi. L’accelerazione si legge anche nei dati sul lavoro: il secondo trimestre consolida il segno positivo (+2,2%, +5,1 nel metalmeccanico), oltre metà delle imprese (53,3%, 62,4 nel metalmeccanico) assumerà nei prossimi sei mesi. La fiducia e le attese degli imprenditori su produzione e ordini sono a livelli elevati, migliorano gli investimenti, ma ci sono anche timori che la variante Delta possa frenare i progressi ottenuti nella lotta al Covid-19. I prezzi alti (per il 91,3%) e la scarsità delle materie prime possono costituire un vincolo alla ripresa.

Sono questi i principali risultati che emergono dall’indagine La Congiuntura dell’Industria di Padova-Treviso (consuntivo secondo trimestre 2021 – previsioni secondo semestre) condotta da Assindustria Venetocentro, in collaborazione con Fondazione Nord Est, su un campione di 520 aziende manifatturiere e dei servizi delle due province.

“Il sistema produttivo di Padova e Treviso ha ripreso a marciare con ritmi senza precedenti”

«Nonostante l’eredità pesante della pandemia – dichiara Leopoldo Destro, Presidente di Assindustria Venetocentro – il sistema produttivo di Padova e Treviso ha ripreso a marciare con ritmi senza precedenti, anche nei mercati esteri, grazie alla determinazione, capacità di adattamento e riorganizzazione degli imprenditori. Alla luce dei dati possiamo finalmente dire che la produzione industriale è tornata oltre i livelli pre-pandemia, ma non dobbiamo abbassare la guardia. Preoccupano nuovi rischi, legati alle possibili varianti del contagio, e altri fattori di incertezza, su tutti i rincari insostenibili e, in alcuni casi, la carenza di materiali. Dobbiamo mettere a frutto i segnali della ripresa con interventi mirati a sostegno dei settori più in difficoltà e soprattutto della competitività e capacità di crescita”.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico