Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Torna la Giornata del farmaco: in 512 farmacie del Veneto sarà possibile aiutare 70mila bisognosi

Giunge alla XXII edizione la Giornata di Raccolta del Farmaco, l’iniziativa di solidarietà a cui aderiscono 512 farmacie di tutto il Veneto, riconoscibili dall’apposita locandina, dove sarà possibile acquistare farmaci da banco destinati a 110 enti caritativi attivi sul territorio regionale

Da domani e fino al 14 febbraio torna la Giornata di Raccolta del Farmaco, l’iniziativa di solidarietà che quest’anno è alla XXII edizione. In 512 farmacie di tutto il Veneto, riconoscibili dall’apposita locandina, sarà possibile acquistare farmaci da banco destinati a 110 enti caritativi attivi sul territorio regionale. Si tratta di enti convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico Onlus che assistono 70 mila bisognosi.

-advertising-

“Faccio appello alla proverbiale generosità dei veneti – dice il presidente della Regione veneto, Luca Zaia – che anche nelle precedenti edizioni si sono distinti in questa corsa virtuosa alla solidarietà. Il gesto è tanto semplice quanto grande: basta entrare in una delle 512 farmacie venete che espongono il logo della raccolta, acquistare una o più confezioni di farmaci da banco e consegnarle agli incaricati. La certezza è che arriveranno a curare gente particolarmente sfortunata che ne ha bisogno”.

“Questa iniziativa arriva dove la sanità pubblica, per legge, non può intervenire”

“Questa iniziativa arriva dove la sanità pubblica, per legge, non può intervenire – fa notare l’assessore regionale alla Sanità, Manuela Lanzarin – ed ha quindi un particolare significato, non solo sanitario ma anche, se non soprattutto, sociale. Spero davvero che i record degli anni scorsi possano essere superati, nonostante la congiuntura non facile”.

Nell’edizione dello scorso anno in Veneto sono stati raccolti 40 mila prodotti per un valore di 310 mila euro. L’iniziativa, nata nel 2000, coinvolge tutta Italia: quest’anno aderiscono 5.000 farmacie collegate a 1.800 realtà assistenziali. Per evitare assembramenti, garantire il distanziamento ma allo stesso tempo dare a tutti la possibilità di partecipare, si è scelto da un lato di ridurre il numero dei volontari presenti nelle farmacie e dall’altro di prolungare l’iniziativa

“La cittadinanza partecipa numerosa perché ha fiducia nella macchina organizzativa e comprende il valore della condivisione”

“Donazione e tracciatura dei prodotti, che partono da pochi euro a confezione, sono effettuate nella massima trasparenza. Ogni farmacia è abbinata a uno o più enti che hanno precedentemente redatto una precisa lista delle più impellenti necessità legate alla tipologia di assistiti – spiega Matteo Vanzan, coordinatore regionale della Fondazione Banco Farmaceutico onlus – La cittadinanza partecipa numerosa perché ha fiducia nella macchina organizzativa e comprende il valore della condivisione, a maggior ragione in periodi di crisi come l’attuale”.

“Le farmacie di tutto il Veneto sono orgogliose di sostenere questa importante iniziativa – sottolinea il presidente di Federfarma Veneto Andrea Bellon – Voglio sottolineare che tutte quelle che aderiranno, che in Veneto sono oltre 500, non metteranno semplicemente a disposizione le proprie sedi, ma faranno in prima persona una donazione e soprattutto si impegneranno a sensibilizzare la clientela sull’importanza di questa iniziativa. Potenzialmente, attraverso le farmacie la Giornata di Raccolta del Farmaco raggiungerà potenzialmente tutta la popolazione: ancora una volta la capillarità della presenza delle farmacie nel territorio si dimostra un fondamentale valore aggiunto, in questo caso per sostenere una causa di grande valore sociale”.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico