Seguici

Cerca nel sito

Persone

Francesco Hayez, il pittore romantico e risorgimentale

Ci ha regalato opere di straordinario pregio, come “Il bacio”, ma Francesco Hayez nasconde una vita turbolenta e un forte ideale risorgimentale, che troviamo nascosto nelle sue opere

I più lo conoscono per la sua opera più famosa: quel bacio dato sulla soglia di una casa, che fa sognare tutti gli innamorati del mondo. Ma Francesco Hayez è molto più di questo, un grande artista veneto che ha portato nascosto la lotta per l’Italia in tutte le sue opere.

-advertising-

Quello che in pochi sanno, però, è che il bacio tanto osannato non racconta affatto di due amanti clandestini medioevali. In realtà, in quel dipinto sono rappresentati tutti i valori della lotta Risorgimentali. Uno su tutti: l’Amor di patria. Perché la donna altri non è che l’Italia.

Francesco Hayez le origini di un grande talento

Il pittore Francesco Hayez nacque a Venezia nel 1791 ed è uno dei principali esponenti del romanticismo storico. Con i suoi dipinti, solo apparentemente a tema storico, racconta in realtà il suo tempo e la sua lotta per l’unificazione nazionale, velando ogni cosa di un contorno epico e romantico.

Le sur origini sono molto umili, tanto che i genitori lo affidano allo zio, Francesco Binasco, antiquario e collezionista, ancora bambino. Sarà proprio lo zio, intuendo le sue capacità, a impiegarlo come restauratore. Non sarà quella, però, la sua strada. Egli andrà a lavorare nella bottega del pittore Francesco Magiotto, per poi frequentare i corsi di pittura nella Nuova Accademia di Belle Arti di Venezia.

Aveva solo 18 anni quando vinse un concorso e si trasferì a Roma, dove divenne apprendista del celebre scultore Antonio Canova, anch’esso veneto. Sarà proprio la capitale a portargli fama e onori, premi e riconoscimenti. Anche se, la sua vita a Roma fu alquanto sregolata, così intricata che a causa di una relazione con una donna sposata dovette spostarsi a Milano.

L’ambiente intellettuale di Milano e la svolta risorgimentale

Sarà proprio Milano, con il suo fermento culturale e intellettuale a cambiare radicalmente la sua vita e le sue opere. Si trasferisce nel 1818 e incontra personaggi come Alessandro Manzoni, Tommaso Grossi ed Ermes Visconti. Qui conosce la lotta risorgimentale degli albori, e vi si consacra.

Le sue opere a sfondo storico ma intrise di ideali Risorgimentali, comprensibili solo a chi li condivideva, diventarono il suo marchio di fabbrica. Un escamotage utilizzato anche dagli altri patrioti, come Manzoni e Verdi, per evitare la censura austriaca. Opere che oggi vengono spesso viste solo per il loro significato mitologico o storico, ma che in realtà nascondono molto di più.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico