Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Famiglia toscana passa notte in grotta sulle Dolomiti

Una famiglia toscana in vacanza sui monti veneti ha passato davvero una brutta nottata sulle Dolomite bellunesi. I turisti hanno sbagliato un sentiero nella zona delle Tre Cime di Lavaredo. Persi nel buio della sera, si sono trovati costretti a cercare un rifugio naturale. Hanno trascorso parte della notte scorsa in una grotta a 2.000 metri s.l.m. mentre l’intera zona veniva investita da un forte temporale.

-advertising-

L’avventurosa notte della famiglia toscana

La famiglia toscana di Massa, è composta dal padre 51enne, la madre 50enne, e due figli di 22 e 13 anni. Erano partiti in mattinata per un escursione tra il Monte Paterno e le Tre Cime di Lavaredo, in assoluto una delle zone montuose più belle del mondo. Nel tentativo di raggiungere il vicino Rifugio Locatelli, però, gli escursionisti devono aver sbagliato sentiero ad un bivio, smarrendosi con il calare della sera. Trovandosi in seria difficoltà in tarda serata, era quasi mezzanotte, i quattro hanno chiamato il Soccorso Alpino per ricevere aiuto.

Smarriti nel cuore delle Dolomiti in piena notte

Battendo ogni sentiero per ritrovare la giusta via verso il rifugio, la famiglia toscana si è imbattuta in un forte temporale. Con il calare della notte, della pioggia e delle nubi temporalesche, però, è calato presto anche il freddo. Il gruppo di escursionisti massetani, bagnati e infreddoliti dalle precipitazioni, si è quindi visto costretto a cercare riparo in una grotta. Si sono accampati in una grotta, naturale o residuo bellico, sotto la Torre di Toblin.

Il salvataggio nella grotta

Partiti da Auronzo e Dobbiaco, otto soccorritori sono arrivati con un fuoristrada verso il Rifugio Locatelli. Da qui è iniziata la marcia di ricerca della famiglia toscana, durata una buona mezz’ora. Finalmente raggiunta la grotta, i soccorritori hanno subito assistito gli escursionisti con coperte e indumenti caldi. Da qui, con calma ed estrema sicurezza, la discesa verso il Rifugio Auronzo in condizioni meteorologiche certamente più favorevoli.

Andrea Pesavento

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico