Seguici

Cerca nel sito

Fatti

“Proroga del divieto di spostamento? Fine della stagione invernale”

divieto spostamenti stagione invernale

E’ lapidario l’assessore al Turismo del Veneto Federico Caner: “La proroga al divieto di spostamento sancisce la fine alla stagione turistica invernale”. Nel 2021 dimezzate le presenze

Continua a destare preoccupazione la situazione del comparto turistico veneto pesantemente investito dalla crisi pandemica. I numeri sono da bollettino di guerra e i comparti che iniziano a non reggere più all’urto combinato del Covid e delle restrizioni aumentano. All’inspiegabile, perlomeno nelle modalità, batosta del lockdown bianco decretato qualche giorno fa dal ministro della Salute Roberto Speranza, si sono aggiunte le ultime disposizioni del governo in materia di spostamento tra regioni. Nel delineare la situazione Federico Caner, Assessore al Turismo del Veneto, oramai allarga le braccia: “La proroga al divieto di spostamento tra le regioni al 27 marzo prossimo sancisce la fine alla stagione turistica invernale”. Pare chiaro come il comparto turistico della montagna non sia in cima alla classifica delle preoccupazioni del governo Draghi. Ma la leggerezza con cui sono state trattate molte questioni appare inspiegabile in regioni come la nostra, dove la filiera del turismo comprende oltre 30mila imprese e occupa oltre 163mila persone. Il tasso di disoccupazione del Veneto, il più basso d’Italia (6,6%) sarà certamente destinato a salire.

-advertising-

Porterò i dati e le stime relative al calo del fatturato all’attenzione del Ministro Garavaglia

Motivo per cui le regioni a maggior vocazione turistica hanno deciso di aumentare il pressing sul governo. I sostegni economici alle categorie sino ad oggi sono stati infatti poco più di briciole. Servono ristori ed indennizzi immediati per i danni provocati dalle stesse decisioni governative. Per farlo, Caner ha deciso di prendere tutti i documenti e di portarli a Roma. “Per far conoscere da vicino le difficoltà che sta attraversando anche la nostra regione – spiega infatti – fino al 2019 la più turistica d’Italia, porterò i dati e le stime relative al calo del fatturato all’attenzione del Ministro Garavaglia. Già nell’incontro convocato per il 24 febbraio con gli assessori regionali”.

Da Venezia si iniziano a dettare condizioni al governo Draghi

Anche per salvare la filiera turistica, la governance regionale è sempre più convinta che l’unica via percorribile sia quella dell’immunizzazione di massa tramite vaccino. La trattiva autonoma di Zaia per l’acquisto di vaccini va proprio in questo senso. E l’assessore Caner lo conferma: “Davanti però a questa situazione la strada maestra appare una sola. Ed è quella di un piano vaccinale molto più rapido rispetto a quello che stiamo vivendo. Inoltre alla tempestività delle decisioni dovrà corrispondere una chiara e tempestiva comunicazione al settore, evitando così di ripetere errori come quello commesso con gli operatori del mondo della montagna”. Da Venezia si iniziano a dettare condizioni al governo Draghi.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico