Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

Cison di Valmarino, uno splendido borgo medievale

Il castello di Castelbrando

Perdersi nelle marca trevigiana per visitare uno dei borghi più belli d’Italia e i suoi dintorni incantati: Cison di Valmarino

Uno dei borghi più belli della Marca Trevigiana è sicuramente Cison di Valmarino. Il suo territorio è molto antico, abitato da tempo immemore: reperti paleolitici sono stati ritrovati a Follina, mentre altri risalenti al mesolitico a Valmareno. Territori attraversati dalla Via Claudia Augusta. Che, durante l’epoca romana, collegava Altino con la Germania.

-advertising-

Cison di Valmarino deriva da una fortificazione risalente al XII secolo. Di essa conserva molte testimonianze. Inoltre, è presente il bellissimo castello Brandolini, chiamato anche Castelbrando, attraversato da incredibili “Vie dell’Acqua”.

Furono i signori di Cison di Valmarino, appartenenti al casato dei Brandolini, a costruire il castello di Castelbrando, che oggi è un elegante e raffinato hotel. La sua storia risale al XII secolo e ha segnato la storia del borgo, secolo dopo secolo.

Nel centro del paese si trova una bellissima piazza, ricca di monumenti antichi. Si può ammirare il palazzo del municipio e il teatro La Loggia, dove si leggevano ed eseguivano sentenze e pene durante il Medioevo. Molto rinomate sono anche le cantine del paese. Un piccolo mondo antico all’ombra della sua chiesa principale, dedicata a Giovanni Battista e Maria Assunta.

Le zone limitrofe attorno a Cison di Valmarino, una vera scoperta

Uscendo da Cison di Valmarino si è immersi nella Valmarena, dove si trovano due piccoli laghi: il Lago di Revine Lago e il Lago di Santa Maria. Si tratta di luoghi di incredibile bellezza, che rendono questa zona il posto ideale per passare una gita domenicale.

Non solo, anche se ci si allontana nei comuni limitrofi si trovano dei panorami incredibili e dei luoghi suggestivi. Ad esempio, raggiungendo Villa Brandolini, si può ammirare un gigantesco platano compreso nella lista dei 22.000 alberi monumentali italiani. Nonché seguire il torrente Rujo verso la zona dei mulini.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2021 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it