Seguici

Cerca nel sito

Persone

Cima da Conegliano, il vanto della Scuola Veneta

Espressione della Scuola Veneta del Cinquecento, Cima da Conegliano è l’autore di opere di incredibile bellezza, vanto della Serenissima

Importantissimo esponente della Scuola Veneta nel XV secolo, Cima da Conegliano, al secolo Giovanni Battista Cima, ci ha lasciato opere di incredibile bellezza. Tuttavia, i documenti per la sua vita sono molto scarsi e non permettono di ricostruirla con precisione. Ad esempio, la sua data di nascita (1459-1460) è dedotta dall’estimo coneglianese.

-advertising-

Oppure, non sappiamo molto sui suoi anni giovanili, almeno prima del 1489, a cui risale il suo primo dipinto conosciuto. Questa è anche la data in cui si trasferì a Venezia, dove aprì una sua bottega. Una nuova vita interamente dedicata all’arte.

Le poche notizie sulla sua vita lasciano comunque intendere che la sua vita fu dedicata all’arte

Non restò però molto nella capitale della Serenissima. Infatti, venne chiamato nelle maggiori corti italiane. Tra il 1500 e il 1515 si spostò in Emilia, senza però abbandonare la sua bottega veneziana. Risalgono a questi anni opere immortali come “Madonna col Bambino tra i santi Michele Arcangelo e Andrea” del 1505 e anche la “Sacra Conversazione” del 1513.

Non abbandonò mai nemmeno il suo paese natale, Conegliano. Era qui che si ritirava durante le estati, nella sua casa di famiglia,, che oggi è diventata la Casa museo di Giovanni Battista Cima. L’ultima attestazione del poeta a Conegliano risale al 1516. La sua morte è invece avvenuta tra il 1517 e il 1518, proprio a Conegliano.

Le opere di Cima da Conegliano, incantevole bellezza, espressione dell’arte veneta

il suo stile pittorico era improntato a un raffinato classicismo. Secondo molti storici dell’arte è stato allievo di Giovanni Bellini, ma con influenze riconoscibili di Antonio Vivarini, Vittore Carpaccio, Giorgione e Marco Malmezzano. Inoltre, fu uno tra i migliori esportatori della cultura artistica veneziana.

I suoi soggetti preferiti riguardano l’arte sacra. In particolare le immagini devozionali della Madonna. Tra le più importanti troviamo. La “Madonna dell’Arancio” del 1496, che oggi si trova alle Gallerie dell’Accademia di Venezia, e la “Madonna col Bambino” del 1504-1505, conservata alla National Gallery di Londra.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico