Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Cartiere Fedrigoni: “Caro prezzi? Nessuna interruzione della produzione”

Cartiere Fedrigoni

Il rincaro dei prezzi delle materie prime e dell’energia sta mettendo in ginocchio l’industria nazionale. Ma le storiche Cartiere Fedrigoni di Verona, attraverso un’attenta programmazione garantiscono che non ci sarà alcuna interruzione nei vari stabilimenti in Italia

Nessuna interruzione nella produzione, né programmate per l’immediato futuro per gli stabilimenti del Gruppo Cartiere Fedrigoni, compresi quelli nelle Marche: Fabriano, Sassoferrato, Castelraimondo e Pioraco.

-advertising-

La produzione di carta è un settore estremamente energivoro e ha quindi molto risentito dell’aumento del costo dell’energia elettrica e del gas. A cui si aggiunge quello delle materie prime cominciato già a marzo 2021 (cellulosa, plastica e materiali chimici, cresciuti tra il 20 e il 50%). “Fedrigoni è intervenuta in maniera preventiva su tutta la supply chain proprio per evitare interruzioni nella fornitura di materie prime. Pianificando acquisti e facendo scorte. E questo ha permesso di evadere tutti gli ordini, anche grazie a una rete distributiva proprietaria, con magazzini dislocati in tutto il mondo, che l’ha resa autonoma dai grossisti”, evidenzia l’ad Marco Nespolo.

Tuttavia, “è stato inevitabile trasferire una parte dei costi sui clienti, aumentando i prezzi del 10-12%”

In più, “i progetti di efficientamento e di riduzione dell’uso dell’energia nella produzione hanno poi attutito il colpo del caro-bollette”. Tuttavia, “è stato inevitabile trasferire una parte dei costi sui clienti, aumentando i prezzi del 10-12%”. Per il futuro “noi siamo i primi produttori al mondo nelle etichette per i vini di alta gamma e i primi in Europa per il packaging dei grandi brand del lusso e della moda, settori di nicchia che sono riusciti ad assorbire questi costi. Se però la situazione dovesse protrarsi ancora a lungo, anche a causa della guerra in Ucraina, molte piccole e piccolissime imprese che erano riuscite finora a rimanere a galla pur tra mille difficoltà rischierebbero il tracollo, e l’aumento dei prezzi al consumo già minati dall’inflazione finirebbe per vanificare i benefici della ripresa economica e industriale”, conclude Nespolo. (fonte: ANSA).

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico