Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Missione Calderone, per salvare memoria ghiaccio Gran Sasso

L’analisi chimica del ghiaccio del Calderone, a 2.600 metri di quota, all’ombra del Gran Sasso, potrebbe raccontare la storia climatica e ambientale dell’Italia centrale. Il Consiglio nazionale delle Ricerche e l’Università Ca’ Foscari Venezia hanno organizzato una missione nelle sue profondità

E’ il corpo glaciale più meridionale d’Europa, l’unico degli Apennini. Ogni anno perde circa un metro di spessore, che nei punti più profondi non supera i 25-30 metri. L’analisi chimica del ghiaccio del Calderone, a 2.600 metri di quota, all’ombra del Gran Sasso, potrebbe raccontare la storia climatica e ambientale dell’Italia centrale. Per rispondere a queste domande l’Istituto di scienze polari del Consiglio nazionale delle Ricerche e l’Università Ca’ Foscari Venezia hanno organizzato una campagna di rilevamento e di raccolta di campioni di ghiaccio dalle profondità del Calderone.

-advertising-

Gli archivi glaciali resterebbero a disposizione delle future generazioni di scienziati nel santuario Ice Memory

Se le carote di ghiaccio si dimostreranno un archivio sufficientemente conservato, potranno ambire a essere custodite per decenni nel ‘santuario’ dei ghiacciai montani in sofferenza che sarà realizzato dal programma internazionale Ice Memory. Prima bisognerà indagare per capire se gli strati di ghiaccio accumulati nei secoli sono ancora al loro posto, oppure sono stati mescolati dalla fusione dovuta all’innalzamento delle temperature. Se le risposte sulla ‘salute’ del Calderone saranno positive, gli archivi glaciali del Gran Sasso resterebbero a disposizione delle future generazioni di scienziati, nel santuario Ice Memory, anche quando il Calderone, già declassato da ghiacciaio a glacionevato, fotografia iconica del glacialismo mediterraneo, sarà definitivamente scomparso.

La prima fase della campagna sul Gran Sasso si svolgerà tra domenica 13 e lunedì 14 marzo, quando gli scienziati del team veneziano in collaborazione con colleghi dell’Ingv, dell’Università di Padova e della Engeoneering Srls saliranno sul Calderone per svolgere indagini geofisiche (con georadar ed elettromagnetometro) e topografiche. (fonte: ANSA).

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico