Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

A Ca’ Scarpa di Treviso i misteri e le meraviglie delle valli della Cappadocia

È aperta al pubblico a Ca’ Scarpa a Treviso la mostra “Cappadocia”, dedicata ai luoghi scelti dal Premio Carlo Scarpa di quest’anno, Güllüdere e Kızılçukur, in Turchia. Meraviglie conosciute qui da noi come la “Valle delle Rose” e la “Valle Rossa”

È aperta al pubblico a Ca’ Scarpa a Treviso la mostra “Cappadocia”, dedicata ai luoghi scelti dal Premio Carlo Scarpa di quest’anno, Güllüdere e Kızılçukur, in Turchia. Meraviglie conosciute qui da noi come la “Valle delle Rose” e la “Valle Rossa”. L’esposizione è stata organizzata dalla Fondazione Benetton nell’antica Chiesa di Santa Maria Nova, ora nuovo spazio espositivo e culturale a Treviso, restaurato per volontà di Luciano Benetton con progetto di Tobia Scarpa. Al centro della mostra un luogo dell’Asia Minore che emerge dalla lunga vicenda storica e geografica della Cappadocia: due valli contigue scavate nella roccia vulcanica, memoria di un’antica civiltà dell’abitare.

-advertising-

Al piano terra, la prima sezione ha per tema il paesaggio delle valli

Il percorso espositivo è articolato in quattro sezioni, corrispondenti ai diversi piani dell’edificio che in questa occasione sarà inaugurato. Al piano terra, la prima sezione ha per tema il paesaggio delle valli. Riferito soprattutto al senso del loro attraversamento e a ciò che testimonia la permanenza di un’agricoltura tradizionale che convive con il suolo vulcanico della regione. La seconda sezione, al primo piano, tratta della natura geologica del luogo in relazione alle diverse forme di insediamento rupestre che caratterizzano le architetture presenti.

Ecco quindi la proiezione del film realizzato nell’ambito del Premio. Che si alternerà, in giorni e orari specifici, con la proiezione del film Medea di Pier Paolo Pasolini

La terza sezione, al secondo piano, dà conto del sorprendente patrimonio pittorico che contraddistingue le chiese e altri edifici scavati nelle rocce. Nonché del lavoro della Missione dell’Università degli Studi della Tuscia impegnata da decenni su questo fronte di ricerca, restauro e valorizzazione.

Le prime tre sezioni usano prevalentemente materiale fotografico, mentre la quarta offre ai visitatori una narrazione documentaristica cinematografica. Ecco quindi la proiezione del film realizzato nell’ambito del Premio. Che si alternerà, in giorni e orari specifici, con la proiezione del film Medea di Pier Paolo Pasolini (1969) in buona parte ambientato proprio in questi luoghi della Cappadocia.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico