Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

Parte la spedizione di Ca’ Foscari sul Monte Rosa per creare un archivio del clima in Antartide

Parte la missione scientifica ‘Ice Memory’ dell’Università di Venezia Ca’ Foscari per estrarre dal Monte Rosa una carota di ghiaccio alla profondità di 80 metri, per lo studio del clima. L’obiettivo dell’Università Ca’ Foscari è la creazione di un archivio climatico mondiale in Antartide

Rimandata per tutto il mese di maggio a causa delle cattive condizioni meteo, è finalmente partita sul gruppo del Monte Rosa la missione ‘Ice Memory’ dell’Università di Venezia Ca’ Foscari. L’impresa impegnerà un gruppo italo-svizzero di ricercatori nel tentativo di estrarre dal ghiacciaio Gorner una carota di ghiaccio alla profondità di 80 metri, per lo studio del clima. Il Gorner è il secondo ghiacciaio delle Alpi per estensione (40 km quadrati).

-advertising-

‘Ice Memory’ è un progetto di ricerca internazionale riconosciuto dall’UNESCO con un fine ambizioso: raccogliere e conservare campioni di ghiaccio prelevati dai ghiacciai di tutto il mondo. Ghiacci che potrebbero scomparire o ridursi moltissimo a causa del riscaldamento globale.

Una grande banca-dati del ghiaccio, della storia del clima e dell’ambiente

L’obiettivo della missione dell’Università Ca’ Foscari sul Monte Rosa è la creazione di un archivio climatico mondiale. Ovvero una grande banca-dati del ghiaccio, della storia del clima e dell’ambiente. Mantenere le informazioni disponibili e accessibili è fondamentale per le future generazioni di scienziati. La conservazione delle carote permetterà nel futuro di avere accesso a informazioni altrimenti non più disponibili. E di analizzarle con tecnologie più avanzate. Da tutto il mondo si stanno selezionando specifici ghiacciai per prelevare dei campioni di ghiaccio rappresentativi del clima regionale. Le carote estratte verranno trasferite in Antartide, un grande freezer naturale. Andando a formare un archivio del clima preziosissimo.

Ora hanno iniziato i preparativi di allestimento del campo e soprattutto il ‘maxi-‘trapano’

Gli scienziati dell’Università Ca’ Foscari e del centro di ricerca svizzero Paul Scherrer hanno trascorso due notti di acclimatamento alla Capanna Gnifetti, a oltre 3.600 metri. Ora hanno iniziato i preparativi di allestimento del campo e soprattutto il ‘maxi-‘trapano’ con il quale verrà estratta la carota di ghiaccio. Da oggi faranno base alla Capanna Margherita, il rifugio più alto d’Europa (4.554 metri), riaperta appositamente per i ricercatori, nel pieno spirito della sua missione di supporto alla ricerca scientifica.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico