Seguici

Cerca nel sito

Fatti

A Follina si è svolta l’assemblea dei borghi più belli d’Italia

borghi italia
L'Abbazia di Follina

Nella caratteristica cornice di Follina (Treviso) si sono riuniti in assemblea i rappresentanti de “I Borghi Più Belli d’Italia”, associazione che raggruppa oltre 300 Comuni italiani. Numerosi quelli veneti

Si è svolta a Follina, nel trevigiano, la 22esima assemblea dell’associazione “I Borghi Più Belli d’Italia”, che raggruppa oltre 300 Comuni italiani. Un’associazione nata su iniziativa di Anci dall’esigenza di recuperare, valorizzare e mantenere il grande patrimonio di storia, arte, cultura, ambiente e tradizioni presenti nei piccoli centri. Magari fuori dai flussi dei visitatori e dei turisti. In modo da trasformare la ‘tipicità’ in un modello di vita che vale la pena di ‘gustare’ in tutti i sensi.

-advertising-

Anche il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia è intervenuto alla kermesse dei piccoli borghi

Anche il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia è intervenuto alla kermesse dei piccoli borghi. Che vede presente, fra gli altri, Arquà Petrarca, Asolo, Borghetto, Cison di Valmarino, Mel, Montagnana, Portobuffolè, San Giorgio, Sottoguda e, appunto, Follina.

“Ringrazio l’associazione di aver scelto Follina per l’assemblea di quest’anno, un borgo che si trova nella ‘core zone’ del patrimonio dell’umanità, ovvero le colline di Conegliano e Valdobbiadene. Le proiezioni ci dicono che nei prossimi dieci anni, in questa zona, arriveranno quasi 1,5 milioni di visitatori alla ricerca di un turismo esperienziale. Da prima Regione turistica d’Italia siamo pronti a essere ancora più attrattivi”.

Per essere ammesso all’associazione ogni Comune deve soddisfare dei criteri

L’associazione ha la disponibilità esclusiva del marchio “I Borghi Più Belli d’Italia”, depositato secondo le disposizioni di legge e registrato. Per essere ammesso all’associazione e utilizzarne il marchio di cui questo è proprietario, ogni Comune deve soddisfare i seguenti criteri, tra cui avere una popolazione che nel Borgo antico o Centro Storico del Comune o nella Frazione indicata non superi i duemila abitanti (questo criterio è eliminatorio). Nel Comune non si possono superare i 15.000 abitanti. Ma avere anche una presenza di almeno il 70% di edifici storici anteriore al 1939. E offrire un patrimonio di qualità che si faccia apprezzare per la qualità urbanistica e architettonica. Serve infine manifestare, attraverso fatti concreti, la politica di valorizzazione, sviluppo, promozione e animazione del proprio patrimonio misurabili secondo criteri di sviluppo, promozione e animazione.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico