Seguici

Cerca nel sito

Fatti

La Biennale di Venezia celebra l’horror, l’erotismo e il porno di Joe D’Amato

Nel grande numero dei film italiani di questa 78/ma edizione della Biennale del Cinema di Venezia (1-11 settembre) si aggiunge alle proiezioni speciali “Inferno Rosso. Joe D’Amato sulla via dell’eccesso” di Manlio Gomarasca e Massimiliano Zanin e presentato da Nicolas Winding Refn. Ovvero un ritratto sul regista Aristide Massaccesi, in arte Joe D’Amato.

Chi era mai Aristide Massaccesi, in arte Joe D’Amato? Per molti un regista di culto: in America un genio dell’horror, in Francia un maestro dell’erotismo e in Italia il re del porno.
Produttore, regista, autore, elettricista, operatore e direttore della fotografia è stato un eclettico artista dai mille pseudonimi che ha realizzato centinaia di film spaziando dagli ‘spaghetti western’ al post-atomico, dall’eros patinato al porno estremo all’horror sanguinolento. Nel mare magnum dei film italiani di questa 78/ma edizione della Biennale del Cinema di Venezia (1-11 settembre) si aggiunge alle proiezioni speciali “Inferno Rosso. Joe D’Amato sulla via dell’eccesso” di Manlio Gomarasca e Massimiliano Zanin e presentato da Nicolas Winding Refn. Ovvero un ritratto sul regista Aristide Massaccesi, in arte Joe D’Amato.

-advertising-

Alla Biennale di Venezia una pellicola su Joe D’Amato. La straordinaria vita di un uomo che ha sacrificato tutto per la sua grande ossessione: il cinema!

“Raccontare Aristide Massaccesi – affermano i registi del ritratto di Joe D’Amato presentato alla Biennale Manlio Gomarasca e Massimiliano Zanin – significa raccontare la storia del cinema italiano di genere, dallo spaghetti western, all’horror e persino al porno, ma anche la straordinaria vita di un uomo che ha sacrificato tutto per la sua grande ossessione: il cinema! Questa incredibile avventura è stata realizzata grazie agli interventi di registi cult italiani come Lamberto Bava, Ruggero Deodato, Alberto De Martino e internazionali quali Jess Franco ed Eli Roth, e soprattutto grazie all’impegno e alla passione di un grande autore come Nicolas Winding Refn”.

I suoi primi set furono quelli diretti da nomi come Mario Soldati, Franco Rossi, Dino Risi, Mario Bava, René Clément, Roger Vadim, Vittorio De Sica

E proprio quest’ultimo rispetto al ritratto su Joe D’Amato alla Biennale, sintetizza: “L’originalità si manifesta in molti modi. E che vi piaccia o no, Joe D’Amato è una SUPERNOVA!”. Joe D’Amato d’altronde il cinema l’ha respirato fin da bambino quando, ancora giovanissimo, lavorava con il padre, noleggiatore di macchine da presa e con il nonno di Lamberto Bava. Parte insomma da zero come garzone negli uffici dell’Istituto Luce. I suoi primi set furono quelli diretti da nomi come Mario Soldati, Franco Rossi, Dino Risi, Mario Bava, René Clément, Roger Vadim, Vittorio De Sica. In breve tempo scala tutte le posizioni ed esordisce prima come aiuto operatore di Jean Luc Godard ne IL DISPREZZO, poi come talentuoso e stimato direttore della fotografia. (Fonte: ANSA).

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico