Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Sergio Berlato (FDI-ECR): “L’Europa potrebbe distruggere gli allevamenti italiani”

berlato agricoltura

UE: gli allevamenti rientreranno nella direttiva per le “emissioni industriali”. L’on. Sergio Berlato, Deputato italiano al Parlamento europeo MEP nel Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei: “L’Europa potrebbe distruggere gli allevamenti italiani

La Commissione europea ha inserito nelle proposte di revisione della normativa sulle emissioni industriali anche gli allevamenti bovini, suini e avicoli con oltre 150 unità di bestiame. La Commissione ha presentato delle proposte per aggiornare la direttiva sulle emissioni industriali, caposaldo della prevenzione e della riduzione dell’inquinamento. Nelle intenzioni, l’aggiornamento normativo mirerebbe ad orientare gli investimenti industriali per trasformare l’Europa in un’economia a inquinamento zero, competitiva e climaticamente neutra entro il 2050. Nei fatti, per i paesi con un forte settore agricolo e agro-alimentare come l’Italia, la penalizzazione rischia di essere pesante. A denunciarlo, l’on. Sergio Berlato, Deputato italiano al Parlamento europeo MEP nel Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei.

-advertising-

Sergio Berlato: “Entro l’anno rischiamo di perdere in Italia una stalla su due”

“L’Europa – spiega infatti l’on. Sergio Berlato – potrebbe distruggere gli allevamenti italiani, perché una direttiva della Commissione pare obbligare tutti gli operatori del settore a dotarsi di certificazioni green a prescindere dal numero di capi. Entro l’anno quindi rischiamo di perdere in Italia una stalla su due e potrebbero essere a rischio anche i nostri grandi formaggi, come il Parmigiano Reggiano ed il Grana Padano.

“In una fase critica come questa – prosegue nel ragionamento l’on. Berlato – dove è più che essenziale incentivare la sicurezza alimentare e l’autosufficienza, l’Europa ce lo impedisce ed anzi, cerca di smantellare la nostra produzione agroalimentare. Forse il vero obiettivo dell’Europa è quello di renderci deboli e dipendenti da Paesi terzi, obbligandoci a chiudere le nostre attività e costringendoci a mangiare carne sintetica, vermi e cavallette. Blocchiamo questa deriva”.

Confagricoltura: “Così si apre la strada a maggiori importazioni da Paesi terzi dove le regole sono meno rigorose di quelle valide nella UE”

La stessa Confagricoltura mette in evidenza i rischi del provvedimento: “La Commissione europea continua a manifestare un orientamento punitivo nei confronti degli allevamenti, mentre i capi di Stato e di governo hanno chiesto di aumentare la sicurezza alimentare. Rischiamo un taglio di produzione a livello europeo. Aprendo così la strada a maggiori importazioni da Paesi terzi dove le regole sono meno rigorose di quelle valide nella UE. Anche ai fini della sostenibilità ambientale”.

La redazione

(“Articolo redazionale a pagamento offerto dal gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei”)

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico