Seguici

Cerca nel sito

Persone

Ancora Baselitz a Venezia. A Palazzo Grimani la mostra Archinto

In Archinto, mostra a Palazzo Grimani, Baselitz rende omaggio a Venezia e alla sua ricca tradizione artistica. Da una parte ristabilendo una continuità storica. E dall’altra segnalando una rottura tra la celebrata ritrattistica rinascimentale e i suoi equivalenti contemporanei

Il prossimo 19 maggio a Venezia verrà aperta al pubblico la mostra Archinto con i nuovi lavori dell’artista tedesco Georg Baselitz. Alcuni dei quali, realizzati espressamente per Palazzo Grimani che ospita la mostra, rimarranno in comodato al museo per concessione dell’artista grazie a uno speciale accordo. L’evento avverrà in concomitanza con la presentazione della Domus Grimani – La Sala del Doge. Ovvero il riallestimento di uno degli ambienti più spettacolari ed evocativi del palazzo. Che con il ricollocamento delle statue greche e romane, tornerà ai suoi splendori rinascimentali.

-advertising-

Dodici tele realizzate appositamente per la Sala del Portego saranno collocate nelle sue originarie cornici settecentesche a stucco. Dove fino all’800 campeggiavano i ritratti della famiglia Grimani

La mostra, curata da Mario Codognato, sarà formata da nuovi e recenti lavori dell’artista tedesco Georg Baselitz. Nato nel 1938, è uno tra gli artisti più significativi della sua generazione. Intitolata Archinto, la mostra, prodotta da Gagosian in collaborazione con Venetian Heritage, sarà allestita al piano nobile del museo. E dodici tele realizzate appositamente per la Sala del Portego saranno collocate nelle sue originarie cornici settecentesche a stucco. Dove fino all’800 campeggiavano i ritratti della famiglia Grimani. Grazie a uno speciale accordo, queste opere rimarranno in comodato a lungo termine al museo per concessione dell’artista. È la prima volta ad oggi che avviene una collaborazione simile tra un artista contemporaneo e un museo statale a Venezia.

Il titolo della mostra e i suoi lavori fanno riferimento all’enigmatico ritratto del Cardinale Filippo Archinto che Tiziano realizzò nel 1558

In Archinto, Baselitz rende omaggio a Venezia e alla sua ricca tradizione artistica. Da una parte ristabilendo una continuità storica e dall’altra segnalando una rottura tra la celebrata ritrattistica rinascimentale e i suoi equivalenti contemporanei. Il titolo della mostra e i suoi lavori fanno riferimento all’enigmatico ritratto del Cardinale Filippo Archinto che Tiziano realizzò nel 1558. Portando la sensibilità dei Maestri Antichi in un contesto attuale, la qualità spettrale dei dipinti di Baselitz conferma il suo interesse per le tecniche di incisione. E allude al tema artistico costante della mortalità umana.

La redazione

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico