Seguici

Cerca nel sito

Fatti

A Verona una baby-gang di ragazze benestanti ferisce un coetaneo

baby-gang
Verona, protesta contro le baby-gang

Una baby-gang formata da sole ragazze tra i 15 e i 17 anni ha aggredito e ferito gravemente un coetaneo per rubargli il monopattino

Due ragazze benestanti hanno preso a pugni e sberle un coetaneo per avere il monopattino. Una vera e propria rapina violenta ad opera di una baby-gang. Il ragazzo è ora ricoverato per un trauma cranico mentre le due ragazze, figlie di un imprenditore e di un avvocato, sono in carcere.

-advertising-

Il commento di chi ha visto in azione le ragazze parla di «indemoniate». L’agguato è avvenuto in Piazza Bra a Verona, verso le 18:30 di martedì. Una baby-gang tutta al femminile, ragazzine di età compresa tra i 15 e i 17 anni. Hanno assalito come delle furie il loro coetaneo.

La leader della baby-gang di ragazze è stata arrestata insieme a un membro della banda

Due di queste ragazze sono state arrestate dai carabinieri, in flagranza di reato. Ci sono foto e video dei testimoni oltre a 10 telecamere di sicurezza. I testimoni affermano che la vittima stava spingendo il monopattino quando le sue coetanee lo hanno accerchiato. Le ragazze hanno iniziato a picchiarlo. Sberle, pugni: tanto da mandare il ragazzo in ospedale con un trauma cranico.

Il ragazzo che vittima dell’aggressione ora è in coma, con un trauma cranico

La leader della banda è ormai conosciuta dalle forze dell’ordine, ed è finalmente stata arrestata insieme a un’altra ragazza della gang, di 15 anni. Entrambe sono accusate di rapina di gruppo e lesioni aggravate. Saranno ascoltate dal tribunale dei minori, dopodiché si deciderà del loro destino.

Appartengono entrambe alla “Verona bene”, una figlia di un imprenditore e l’altra di un avvocato. I genitori sono attoniti e sconvolti. Secondo le ragazzine, sarebbero state provocate e importunate dal coetaneo che, insieme ad alcuni amici le avrebbe «seguite e tampinate accusandole di avergli portato via il monopattino, che invece lui stesso aveva prestato a un altro ragazzo».

Secondo le ragazze della baby-gang si stavano difendendo da un’aggressione

Le ragazze si difendono sostenendo che la loro sarebbe stata solo «la risposta a una grave provocazione, perché noi non abbiamo rubato il monopattino». Del monopattino, al momento, nessuna traccia, si è perso nel parapiglia generale dell’aggressione di martedì.

Elisa Filomena Croce

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico