Seguici

Cerca nel sito

Luoghi

L’estate promuove le Autovie Venete

Le Autovie Venete superano l’estate mostrando la qualità della viabilità nella nostra regione: Dal 20 luglio al primo settembre i volumi di traffico sono risultati superiori al 2019 dell’1,95% e le code in alcuni punti critici si sono ridotte

Più traffico e meno code sulla rete autostradale: è il bilancio di Autovie Venete sull’esodo estivo 2021. Dal 20 luglio al primo settembre i volumi di traffico sono risultati superiori al 2019 dell’1,95% e le code in alcuni punti critici si sono ridotte.

-advertising-

Lungo i quasi 240 chilometri di rete sono stati 6,995 mln i veicoli transitati (5,433 mln leggeri e 1,562 mln pesanti) rispetto ai 6,862 mln di due anni fa. La giornata di picco è stata venerdì 30 luglio con 187.668 transiti totali. A un anno e mezzo dall’inizio dell’emergenza sanitaria, il traffico è quindi tornato ai livelli pre-pandemici con un incremento, nell’ultima settimana del periodo preso in esame, del 3%. Per quanto riguarda le località balneari, il casello di Latisana ha registrato un +20% dei transiti in uscita; il trend di San Donà, Cessalto e Meolo-Roncade è vicino al +10%. In calo del 12% (110 mila transiti in meno) i passaggi alla barriera del Lisert, anche se il gap è stato parzialmente compensato, con 50 mila transiti, dai risultati ai caselli di Villesse e Redipuglia. Udine Sud segna invece +19%.

Quest’anno le code hanno raggiunto un’estensione massima di 2 chilometri

“Nonostante i numeri record di questa estate – osserva Autovie Venete – non si è mai fatto ricorso a chiusure della A23 nel tratto tra Udine Sud e Nodo di Palmanova. Quest’anno le code hanno raggiunto un’estensione massima di 2 chilometri”, anche “grazie all’efficacia della terza corsia”. Inoltre “non è stato necessario imporre alcuna deviazione sulla A34 per chi era diretto verso il Lisert. Le code non hanno mai superato la soglia di allerta dei 5 chilometri”. In calo anche gli incidenti: su circa 7 milioni di veicoli transitati sulla rete si sono verificati 77 sinistri rispetto ai 95 di due anni fa. Di questi 29 hanno visto il coinvolgimento dei mezzi pesanti (-6 dal 2019) e in 23 casi ci sono stati feriti (-10). (Fonte: ANSA).

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico