Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Allarme dimissioni volontarie in Veneto

dimissioni volontarie

Le dimissioni volontarie hanno riscontrato, in Veneto, un aumento pari al 50% rispetto allo scorso anno. Voglia di cambiare vita?

La crisi del lavoro in Veneto si aggrava con un boom di dimissioni volontarie. La discussione viene aperta da Luigi Sposato, fondatore e presidente dell’agenzia per il lavoro Eurointerim di Padova. «Sono convinto che se, a parità di stipendio, nelle aziende si lavorasse sette ore al giorno anziché otto, alla fine cambierebbe poco» sostiene.

-advertising-

Il giorno successivo al lancio del report di Veneto Lavoro è emerso un significativo aumento di tutte quelle persone che, pur con un contratto a tempo intererminato, stanno lasciando l’impiego. Si tratta di 66.300 addetti che hanno deciso, di propria iniziativa, di lasciare il lavoro. Un aumento del 50% rispetto a un anno fa.

Dietro le dimissioni volontarie possono esserci o un lavoro migliore, oppure la volontà di cambiare vita

Va considerato che ci sono state 208.600 assunzioni a inizio anno, ovvero il 68% in più rispetto al 2021. Si può quindi leggere in questa statistica, da un lato la volontà di cambiare il proprio stile di vita, dall’altra il fatto che chi si licenzia lo fa perché ha già un posto in cui andare, a condizione migliori.

Il mondo del lavoro, quindi, sembra quasi essere in una forte fase espansionistica, in cui però mancano le figure tecniche sono sempre impossibili da trovare. Inoltre, il covid ha dato un forte impulso nel voler cambiare il proprio stile di vita.

Lo smartworking è diventato sempre più importante per il lavoratore

 «Parlo in senso generale dell’importanza di conciliare il più possibile i tempi di vita e di lavoro. Anche noi oggi adottiamo criteri di flessibilità più accentuati rispetto a prima della pandemia» sostiene Sposato.

Un altro cambiamento riguarda lo smartworking. Le persone durante i colloqui sono più interessati a sapere se è previsto o meno, che a quanto sia la retribuzione. Con il calo demografico, poi, e la mancanza di figure professionali si arriva a una situazione in cui il lavoratore ha il coltello dalla parte del manico.

Servono sempre più competenze per compensare le dimissioni volontarie servono assunzioni qualificate

«Quando il lavoratore è consapevole di avere conoscenze, capacità e competenze le probabilità di cambiare impiego non appena subentri l’insoddisfazione aumentano. E questo si accentuerà ancor più con l’avanzare della crisi demografica: ci saranno sempre meno persone a fronte di un aumento delle posizioni da occupare. Paradossalmente per la mano d’opera di oggi il posto fisso più che un punto di arrivo sta diventando un limite». Sempre Sposato.

A questo punto alle aziende non resta che capire come cambiare. Per esempio rendendosi più evolute possibile, per poter attirare chi sta studiando quelle specializzazioni che mancano, tanto importanti per un mercato di lavoro in crisi che non riesce a trovare manodopera. Perché i giovani hanno capito che cosa serve sul mercato, e stanno studiando di conseguenza.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico