Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Allarme denatalità: Asili, scuole paritarie e licei privati in forte crisi

Con 3.000 bambini in meno rispetto allo scorso anno, molte scuole rischiano di chiudere, sono le conseguenze della denatalità

A causa della sempre più preoccupante denatalità le scuole venete si stanno svuotando. Negli asili e nelle scuole elementari, poi, la situazione è ancora più drammatica. Sono infatti 3295 bambini che mancano all’appello, e decine sono le prime elementari che rischiano di saltare.

-advertising-

Infatti, una classe deve avere minimo 15 persone, dunque, le scuole dei piccoli paesi di provincia rischiano di scomparire. Tutto nasce dalla denatalità, con sempre meno figli, ci sono sempre meno bambini e quelli che ci sono devono fare lunghe distanze per ricevere un’istruzione adeguata.

Il segretario di Uil scuola cerca di fare chiarezza sulla situazione, ormai drammatica della denatalità

A commentare la situazione è il segretario di Uil Scuola, Giuseppe Morgante: «Con questi dati, alla luce del numero di scuole presenti in regione, rischierebbe di saltare un centinaio di prime elementari». Anche se l’ufficio scolastico regionale cerca di porre rimedio, confermando lo stesso organo docente.

«Questo consentirà di salvare la maggior parte delle classi ma il problema di fondo resta. Se non si inverte il trend demografico perderemo sempre più classi e scuole, soprattutto nelle zone periferiche e montane, contribuendo allo spopolamento di questi luoghi. Quale famiglia vivrebbe in aree dove non c’è una scuola a cui iscrivere il figlio?» continua Morgante.

Anche le scuole paritarie sono in grave difficoltà, e moltissime rischiano di chiudere

Una crisi che non lascia indifferenti nemmeno le scuole paritarie, infatti, sono 50 quelle cancellate negli ultimi 5 anni. Per l’anno scolastico 2022-2023 il Miur ha già certificato che 11 scuole dell’infanzia resteranno chiuse. Si tratta di due elementari di Pontelongo e Padova, una scuola media, sempre a Padova e due superiori i (l’Istituto tecnico con indirizzo meccanico Cavanis-Canova a Possagno e il liceo Europeo Brandolini Rota di Oderzo oltre ad altri due licei che riducono gli indirizzi (al Pio X di Treviso e all’Aleardi di Verona.

In Veneto, poi, gli asili parrocchiali sono ormai una tradizione da decenni. L’associazione di categoria, Fism, chiede un aiuto al governo per «la questione veneta» nonché un contributo tra i 30 e i 40 milioni di euro. Il presidente della Fism, Stefano Cecchin, commenta così la situazione.

«A livello regionale la media degli ultimi 5 anni, è di circa 10 scuole dell’infanzia chiuse anno dopo anno, con punte di 12. Fino al 2017 si arrivava al massimo a 7-8. La storia è sempre la stessa: si inizia con 2-3 sezioni in meno e poi si arriva alla chiusura». Va considerato anche il risvolto occupazionale, poi, perché ogni scuola chiusa comporta centinaia di insegnanti senza lavoro.

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico