Seguici

Cerca nel sito

Fatti

Canoa: annullata l’Adigemarathon 2021 a causa della siccità

La celebre ed amata Adigemarathon, maratona internazionale di canoa, kayak e rafting, si sarebbe dovuta svolgere il 17 ottobre lungo il fiume Adige. Ma a causa della siccità le società elettriche che garantiscono l’afflusso di acqua necessario allo svolgimento della manifestazione, quest’anno non hanno potuto garantire certezze al comitato organizzatore ed alle centinaia di partecipanti

Annullata l’Adigemarathon 2021. Il comitato organizzatore composto dal veronese Canoa Club Pescantina presieduto da Vladi Panato ed il trentino Canoa Club Borghetto d’Avio da Albino Borghetti, comunicano l’annullamento della 17/a edizione della maratona internazionale di canoa, kayak, rafting che doveva svolgersi il 17 ottobre lungo il fiume Adige, a cui fino al 2019 hanno partecipato atleti da una decina di Paesi europei e non.

-advertising-

Se lo scorso anno la maratona fu annullata in extremis per motivi di sicurezza, quest’anno l’annullamento è da ascrivere alla siccità che sta coinvolgendo la Valdadige-Terradeiforti, in particolare il fiume Adige. “Fino allo scorso anno i dirigenti delle società idroelettriche, con cui da sempre abbiamo ottimi rapporti, garantivano un afflusso di acqua che permetteva lo svolgimento dell’Adigemarathon” afferma il presidente Vladi Panato. Quest’anno le stesse non hanno potuto conferire certezze al comitato organizzatore ed alle centinaia di partecipanti.

Un vero peccato per la più importante ed imponente maratona fluviale italiana, tra le prime al mondo

“L’acqua erogata è un elemento imprescindibile per la riuscita della manifestazione – continua Panato – purtroppo ci è stato comunicato che, a causa di un aumento di richiesta di energia elettrica, le società non sarebbero riuscite a garantire, con certezza, stante il periodo di siccità, una portata di acqua consona a garantire in sicurezza la navigabilità del percorso di gara. Pertanto, considerato anche che le previsioni non prevedono pioggia nei prossimi giorni, abbiamo deciso di annullare la maratona”.

“Nel ringraziare le società per averci erogato l’acqua necessaria alle scorse edizioni – conclude il presidente Vladi Panato – diamo fin da subito la nostra disponibilità ad organizzare la maratona 2022. Auspichiamo inoltre la creazione di un tavolo tecnico con le società idroelettriche e rappresentati delle istituzioni per individuare le modalità organizzative ideali”.

Un vero peccato per la più importante ed imponente maratona fluviale italiana, tra le prime al mondo. I numeri della manifestazione costituiscono un esempio reale di quella “sostenibilità ambientale” contrapposta ai cambiamenti climatici ed i conseguenti disastri sotto gli occhi di tutti. Dalla prima edizione nel 2004, vede in campo oltre 300 volontari, attraversa due regioni, Trentino Alto Adige e Veneto.
(fonte: ANSA).

Iscriviti alla newsletter

Per rimanere aggiornato

* campo obbligatorio
commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Persone

Nella conferenza stampa odierna di aggiornamento sulla situazione dell’epidemia il governatore del Veneto Luca Zaia si abbandona ad uno sfogo. E spiega perché, nonostante...

Fatti

Si inasprisce lo scontro sul green pass, anche tra le stesse Istituzioni: a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, il Consiglio comunale...

Persone

Paolo Bellavite, per anni Professore di Patologia generale dell’università di Verona, martedì scorso alla trasmissione de La7 “Di Martedì” ha espresso alcuni dubbi sui...

Fatti

«Non è più richiesta e non porta guadagni»: queste le motivazioni che hanno portato alla sospensione della terapia col plasma nell’ospedale di Padova Della...

Copyright © 2022 Il Serenissimo Veneto. Blog di notizie dal Veneto - info@ilserenissimoveneto.it
Plurisettimanale, iscritto al n. 211/2021 del Registro della stampa, Tribunale di Roma
Direttore Responsabile: Simone Pellico